DichiarazioniFormula 1

Brown: “Binotto dovrebbe chiarire l’accordo con la FIA”

L’amministratore delegato della McLaren ha invitato Binotto a chiarire la questione sull’accordo Ferrari-FIA rivelandone i dettagli

Brown ha sfidato Binotto tornando sull’accordo concluso con la FIA, invitandolo ad essere trasparente e a rivelarne i dettagli.

L’amministratore delegato della McLaren, Zak Brown, è recentemente tornato sulla questione Ferrari-FIA, continuando a chiedere maggior chiarezza sull’accordo riservato tra le due parti.
La polemica ha avuto inizio durante la passata stagione per via del motore progettato dalla casa di Maranello. La Ferrari ha mostrato una competitività sorprendente, spingendo la Mercedes e la Red Bull a chiedere dei controlli alla FIA circa la legalità della loro power unit.

Il 28 febbraio 2020, la Federazione ha rilasciato un comunicato dichiarando di aver concluso le analisi sul motore Ferrari 2019. Jean Todt ha spiegato che i tecnici hanno riscontrato delle anomalie alla power unit di Maranello, ma non sufficienti per dichiararne l’illegalità. Tuttavia, i team rivali (esclusi i motorizzati Ferrari e la Mercedes) sono insoddisfatti sulla natura riservata dell’accordo e continuano a chiedere maggior trasparenza alla Federazione e al team del cavallino rampante.

“SAREBBE BELLO SE MATTIA CONDIVIDESSE I DETTAGLI DELL’ACCORDO”

Il presidente della FIA ha recentemente rivelato a Motorsport la sua disponibilità per rivelare i dettagli dell’accordo con la Ferrari che però, per volontà del team, resteranno privati tra le parti.
Infatti ha così confessato: “Se me lo chiedi, mi piacerebbe fornire tutti i dettagli della situazione, ma la Ferrari è contraria. Sono stati sanzionati, ma non possiamo spiegare la situazione nello specifico”.

Brown è quindi tornato sulla questione facendo appello dal “dovere etico” di Binotto; lo stesso dovere etico che Mattia ha recentemente rivendicato per ridurre il limite del budget della Formula 1.
Ha così sostenuto: “Sono a favore ai doveri etici. Quindi, proprio per l’etica sarebbe bello se Mattia condividesse con noi i dettagli dietro all’accordo segreto sulla la presunta violazione delle norme sul loro motore. Anche la FIA si è detta d’accordo,”.

“Visto che siamo in tema di etica e trasparenza, penso che sarebbe un buon momento  e un buon motivo per agire”, ha così concluso.

Pubblicità

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button