DichiarazioniFormula 1

Brawn: “Modifiche anche alla cerimonia del podio”

Il dirigente sportivo britannico ha assicurato che, nonostante i cambiamenti imposti dall’emergenza sanitaria, le emozioni della premiazione non passeranno in secondo piano

Quello che si appresta a iniziare è sicuramente un anno diverso e strano per la Formula 1 che, a causa dell’emergenza COVID, sta inserendo alcune modifiche sulla gestione e sullo svolgimento dei weekend di gara

Il 5 luglio è ormai vicino. Dopo lo stop forzato a causa dell’espandersi dell’epidemia di Coronavirus, le monoposto sono pronte a tornare in pista. Tuttavia, la stagione che inizierà tra poco più di tre settimane, sarà rivoluzionaria per la Formula 1. Lo stesso Ross Brawn, insieme agli uomini di Liberty Media, sta lavorando affinché i weekend di gara mantengano il proprio spettacolo, pur ponendo al centro della questione la sicurezza di tutto il personale.

Al momento, le modifiche inserite sono le seguenti: Gran Premi a porte chiuse; solo 10 giornalisti autorizzati per la conferenza stampa; personale dei team ridotto; modifiche alla griglia di partenza. Ma non è tutto. A questo elenco si aggiunge ora la cerimonia di chiusura sul podio. Anche in questo caso, infatti, a farla da padrona è la sicurezza degli addetti ai lavori, per cui Brawn e i suoi stanno cercando di lavorare ai massimi livelli.

FESTA SUL PODIO, MA NEL RISPETTO DELLE DISTANZE SOCIALI

[…] Alcuni procedimenti non potranno rimanere come prima dell’emergenza, perché si dovranno evitare gli assembramenti tra le persone. […] Tradizionalmente, dopo la fine della gara,  i piloti portano le proprie vetture ai box e i primi tre salgono sul podio. Però ora non possiamo consegnare i trofei come facevamo di solito, perché violerebbe la regola di distanziamento sociale”.

Tuttavia, come Brawn ha assicurato, questo non significa eliminare la cerimonia di premiazione. Liberty Media e la Formula 1 hanno già in mente qualche idea per risolvere la situazione. Attualmente si sta ragionando, infatti, anche sull’aspetto televisivo della cosa, per capire come sia meglio organizzare il tutto senza togliere entusiasmo alla fase conclusiva di ciascuna gara. Di conseguenza, anche se leggermente diversa da ciò a cui siamo tutti abituati,  la cerimonia di premiazione rimarrà comunque entusiasmante. Almeno secondo quanto assicura Ross Brawn.

Nello specifico, al momento la cerimonia dello champagne è stata vietata, o comunque verrà sostituita da qualcosa di alternativo. Per quanto riguarda la consegna dei premi, invece, un’alternativa attualmente al vaglio è quella di spostare tutto direttamente in pista, sulla linea di arrivo. Questo implica che non sarà presente un vero e proprio podio, che ravvicinerebbe troppo i primi tre piloti.

Tuttavia, al momento la Formula 1 si sta impegnando per dare importanza anche a questo aspetto, senza togliere l’emozione finale che la chiusura delle gare ha sempre regalato ai propri tifosi. Per sapere come verrà gestito il tutto, quindi, non ci resta che attendere il primo Gran Premio d’Austria.

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button