Formula 1Gran Premio Canada

Alonso, un GP di Canada da dimenticare

Le aspettative erano ben diverse in seguito alla prima fila conquistata il sabato

Fernando Alonso si è dimostrato competitivo durante tutto il GP di Canada, ma nel momento in cui più contava, è riuscito a portare a casa solo due punti

Il weekend di corse svoltosi sulla pista di Monteral ci ha regalato diverse emozioni. Diluvio universale al giovedì, sole durante le prove libere. Ancora acquazzone al sabato per le qualifiche, per poi avere una gara asciutta alla domenica. Condizioni climatiche davvero inusuali, che hanno messo alla prova i piloti. Ed in tali situazioni, ecco che vengono fuori i grandi campioni. Così Fernando Alonso si è conquistato la prima fila nel GP di Canada.

Tuttavia, la grande prestazione del quarantenne spagnolo si è vanificata ben presto. Un problema al motore, sommato ad una strategia penalizzante, lo hanno rispedito nelle retrovie. Dalla seconda posizione alla settima, persino dietro il compagno di scuderia Esteban Ocon, che scattava dalla casella numero sette in griglia. Questa situazione deve aver innervosito non poco Alonso, che proprio sul finire del GP ha perso lucidità, commettendo manovre pericolose nei confronti di Valterri Bottas. Manovre che gli sono poi costate 5 secondi di penalità, l’equivalente di due posizioni in pista.

Infatti, proprio durante l’ultimo giro, Fernando si è ritrovato il finlandese attaccato agli scarichi della sua Alpine e, nel tentativo di difendersi, ha cambiato traiettoria sul rettilineo più volte del limite consentito, costringendo così Bottas ad alzare il piede. Ecco, dunque, che a fine gara gli stewards si sono appellati all’articolo 2B del capitolo IV – appendice L – dell’ “FIA International Sporting Code“. Le conseguenze sono state: una penalità da 5 secondi per il pilota di Alpine, ed un punto sulla sua superlicenza. Così facendo sono solo 6 i punti rimasti a Nando. Ciò ha fatto si che Alonso finisse la gara in nona posizione, oltre che dietro Bottas, alle spalle anche del suo compagno di scuderia, Guanyu Zhou.

FIA: “Fatti troppi cambi di direzione”

Il verdetto dei giudici di gara è stato il seguente: “Tra curva 10 e curva 12, durante il penultimo giro di gara del GP di Canada, la monoposto n°14 ha ripetutamente fatto dei pericolosi cambi di direzione per difendersi dalla monoposto n°77, che di conseguenza ha dovuto rallentare e perdere così ogni chances di sorpasso. Gli stewards hanno considerato la presente come una violazione del regolamento, imponendo una penalità di cinque secondi alla monoposto n°14, in linea con quando già accaduto durante il GP di Australia 2022“.

Fernando si aspettava un esito ben diverso dopo la prima fila conquistata, che gli mancava dal lontano 2012. Lui stesso ha così commentato la sua prestazione in quel di Montreal: “Avevamo un problema al motore fin dal ventesimo giro, per il quale percepivo un netto taglio di potenza della parte ibrida sui rettilinei. A quel punto non si trattava più nemmeno di lottare per il podio, ma di portare la vettura al traguardo. Ho guidato come un kamikaze nelle curve subito prima del detection point per cercare di prendere il DRS e restare vicino agli altri. Era l’unico modo che avevo per restare in top 10“.

Tuttavia, nonostante il problema dello spagnolo e la sua penalità, Alpine può complessivamente ritenersi contenta di quanto ottenuto in Canada. Soprattutto nel confronto con McLaren, con la quale sta lottando per il quarto posto nella classifica costruttori, e che ha portato a casa zero punti. Ora la classifica recita -8 Alpine. Che cosa ci possiamo aspettare verso Silverstone, dove molti team porteranno importanti aggiornamenti? La battaglia, anche a centro gruppo, si fa sempre più interessante.

Gabriele Bonciani

Gabriele Bonciani

Fiorentino, laureato in Economia e Turismo, grandissimo amante delle quattro ruote. Mi sono innamorato della Ferrari grazie a Vettel, che mi faceva urlare ed emozionare davanti allo schermo. Poter scrivere del mio sport preferito mi rende orgoglioso e voglio coltivare sempre più questa passione. Nella speranza di tornare a gioire al più presto... #essereFerrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.