DichiarazioniFormula 1

Allison su Mercedes: “Preoccupati dalle alte temperature”

Il direttore tecnico non abbassa la guardia e lancia il campanello d’allarme: il caldo può essere il punto debole dei campioni in carica.

Dopo un avvio di campionato esaltante quello dell’affidabilità sembra essere rimasto l’unico neo in casa Mercedes, che non lascia tranquillo l’ingegnere britannico

La Mercedes ha dominato in lungo e in largo i primi appuntamenti stagionali. Tuttavia, gli uomini di Brackley non si sentono del tutto tranquilli, in quanto credono di poter essere soggetti a problemi di affidabilità in caso di temperature molto alte. James Allison, direttore tecnico, ha ricordato i problemi al cambio che in Austria avevano costretto Hamilton e Bottas a restare lontani dei cordoli. E spiega perchè non può dirsi sicuro delle prestazioni Mercedes in gare con condizioni simili.

IN FORMULA 1 NON BISOGNA MAI DARE NULLA PER SCONTATO

“Fino ad ora siamo stati in circuiti con temperature piuttosto miti. La gara più calda è stata la prima, ed è stata anche quella in cui siamo stati meno convincenti, quindi dobbiamo capire quanto possiamo essere veloci quando le temperature dell’asfalto si alzeranno” ha detto Allison nelle dichiarazioni rilasciate a Motorsport.com.

Lo sappiamo, in Formula 1 tutto può succedere. E neanche la Mercedes può ritenersi esente dalle incognite sull’affidabilità, specie in un campionato che si preannuncia più breve del previsto e in cui un ritiro potrebbe dunque avere un peso ancor maggiore.

“Ogni monoposto  in griglia vive la gara con una spada di Damocle sulla testa. Si tratta di vetture molto fragili, che in qualsiasi momento possono subire delle problematiche. Siamo consapevoli che ci sono milioni di punti deboli da perfezionare, anche nei progetti piuttosto solidi come la nostra vettura e i nostri piloti” 

Nonostante un avvio meraviglioso Allison ritiene che in gara ci siano ancora ampi margini di miglioramento, soprattutto se paragoniamo le performance della domenica ai distacchi ancor più grandi che Mercedes è riuscita ad infliggere agli avversari durante le qualifiche.

“In qualifica siamo stati molto forti. La gara è più dura e il margine si assottiglia. Siamo un passo avanti rispetto all’anno scorso, ma tuttavia non dobbiamo accontentarci. I risultati dipendono anche dalle difficoltà incontrate dai nostri rivali e non soltanto dalla nostra superiorità”,  ha detto Allison in conclusione.

Danilo Tabbone

 

 

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.