Curiosità dalla F1

Alex e “Ayrton”: la mostra omaggio al campione

Si chiama “Ayrton”, ed è un omaggio che Alessandro Delpiero, insieme all’Instituto Ayrton Senna, ha voluto fare al mito brasiliano. La mostra è ospitata all’Adplog di Torino, uno spazio espositivo fortemente voluto dal calciatore.Il primo Kart

Io l’ho visitata recentemente e devo dire che mi ha colpito molto, è una bella occasione per i fan di Ayrton soprattutto, ma anche per chi non lo conosceva così bene; in tre piani, si racconta tutto, dagli inizi alla consacrazione, passando attraverso “l’uomo-campione”.

Si possono ammirare due delle sue monoposto più famose: tra cui la Lotus 98T John Player Special con cui vinse 2 GP e la Mclaren MP4/8 Honda V12; in più una raccolta di video e fotografie del caro amico Keith Sutton, oltre ad altri cimeli come: guanti, caschi e addirittura il primo kart.

 

Per l’inaugurazione è stato organizzato un vernissage a cui erano presenti, oltre al campione bianconero, anche la sorella di Ayrton: Viviane Senna e molte altre personalità del mondo sportivo.

La Mclaren MP4/8 Honda V12
La Mclaren MP4/8 Honda V12

Ayrton Senna è un mito non solo per il mondo dei motori, ma per qualunque sportivo. Dalla sua vicenda umana e professionale, dal suo esempio, è possibile ricavare grandi insegnamenti e sono felice che questa esposizione possa contribuire a mantenere viva la sua memoria, magari soprattutto tra i più giovani. È stato un vero artista, un personaggio a 360 gradi, che è riuscito ad entrare nel cuore della gente per quello che ha fatto fuori dal campo”, ha dichiarato Alex.
Sono passati 20 anni da quel tragico 1 Maggio di Imola del 1994, sulla carta quello fu l’incidente che pose fine alla carriera e purtroppo anche alla vita di un mito come Ayrton Senna, ma la storia ci insegna altro: Ayrton vive nel suo messaggio.20150207_175933

Abituato a vivere di forti emozioni, sempre in overdose di adrenalina, ha valicato un altro limite…lui ora è una splendida farfalla in volo. Non in terra, al contrario, senza questa capacità di alimentarci di emozioni, saremmo condannati a rimanere crisalidi. Il liberarsi del corpo terrestre, in realtà, è la trasformazione, il raggiungimento della stadio supremo di quella radiosa bellezza dell’essere che tanto stupore genera.
Segui il volo delle farfalle, in questo spazio magico, e ti accorgerai che … da lassù lui ci osserva… ed è ancora con noi!
Se vi capita di passare per Torino, andateci, sia che siate fan di Senna o meno, in ogni caso ne vale la pena.

Questo è i link con tutte le informazioni riguardo orari e prezzi:

http://www.adplog.com/info.html

 

Anna Polimeni

Mi chiamo Anna, ho 19 anni e vengo da Torino. La F1? la mia passione, il mio mito? Ayrton Senna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.