DichiarazioniFormula 1Gran Premio Belgio

Raikkonen: “Bere birra? Più sicuro che fare sport”

Kimi ha ironizzato sull’infortunio che mette in dubbio la sua partecipazione al GP del Belgio

Il pilota finlandese ha subìto uno stiramento che ne mette in dubbio la partecipazione alla gara di domenica: fondamentale sarà il responso delle FP1

Giovedì movimentato per Kimi Raikkonen e il team Alfa Romeo: l’ex pilota Ferrari ha infatti accusato uno strappo muscolare che ne mette in dubbio la partecipazione al Gran Premio di Spa-Francorchamps.

La scuderia di Hinwii è corsa subito ai ripari, convocando per il weekend belga il terzo pilota Marcus Ericsson, che ha rinunciato alla gara di Portland valevole per il campionato IndyCar.

Normale convocare Marcus Ericsson

È stato lo stesso Iceman a fare chiarezza sulla situazione. Ho avuto uno strappo muscolare, semplicemente questo. Sta migliorando, ma vedremo cosa accadrà. Ovviamente abbiamo dovuto pensare a piani alternativi, sarebbe stato stupido non avere il nostro terzo pilota qui nel caso in cui non riuscissi a guidare. C’è un motivo per cui il team ha un terzo pilota in caso di problemi, penso sia una cosa normale”, ha spiegato il campione del mondo 2007.

Ericsson ha dovuto rinunciare ai suoi impegni in IndyCar per essere presente in Belgio: “Per lui è stata una situazione difficile, anche perché ha dovuto rinunciare ad una gara. Ma funziona così“, ha continuato KR7.

La solita ironia di Kimi

“Come mi sono fatto male? Sport. Ho sempre detto che fare sport è pericoloso, probabilmente bere birra è più sicuro. Di solito infatti non ti infortuni, al massimo hai i postumi della sbronza“, ha concluso in maniera ironica Kimi.

Stamane le monoposto scenderanno in pista per la prima sessione di libere e capiremo se Raikkonen sarà in grado di guidare per l’intero fine settimana o dovrà dare forfait in favore del pilota svedese.

Topics
Pubblicità

Christian Caramia

Mi chiamo Christian e ho 28 anni, vivo a Martina Franca (Taranto). Istruttore di scuola guida nella vita, appassionato fin da piccolo di Formula 1 e del motorsport a 360 °.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button