DichiarazioniFormula 1

Minardi: “Nel 2021 soffriremo effetti crisi”

La prossima stagione verranno a galla inesorabilmente le conseguenze della crisi attuale, con 8 GP già posticipati o cancellati e chiusure protratte delle fabbriche

Minardi ha spiegato chiaramente quali saranno i team più colpiti

L’unica certezza in questo momento di incertezze è che, alla sua ripresa, la Formula 1 dovrà fare i conti con una crisi economica importante. La mancanza degli introiti derivanti dai Gran Premi e la chiusura delle attività produttive, che si estenderà probabilmente almeno fino a inizio maggio, rischiano di mettere in ginocchio specialmente le squadre minori, come Williams e Haas. Liberty Media sta tentando di mitigare la crudeltà dell’attuale quadro con un piano regolamentare mirato al contenimento dei costi, come dimostra il rinvio delle nuove regole al 2022 e il congelamento dello sviluppo telaistico. Ma potrebbe non bastare.

UNO SCENARIO POCO GRATIFICANTE

Gli effetti più evidenti della crisi si vedranno soprattutto il prossimo anno, quando i team dovranno cominciare a sviluppare anche le macchine del 2022. È quanto prevede Giancarlo Minardi, che nel suo sito personale dipinge uno scenario difficile per la Formula 1 che verrà: “Ho l’impressione che nessuna squadra intenda firmare il nuovo Patto della Concordia, per non garantire la propria presenza nel Circus a lungo termine. Non dimentichiamo che quest’anno ai team arriveranno gli introiti dei diritti televisivi del 2019, quando tutto ha funzionato correttamente. Invece l’anno prossimo gli stessi introiti non arriveranno: al momento, mancano all’appello ben otto Gran Premi”.

I più colpiti sono indubbiamente i team privati, elemento che rischia di spaccare ancor di più il divario tra le squadre top e quelle del midfield in vista del 2021: “Ci saranno conseguenze importanti sulle formazioni private – prosegue Minardi – Penso a Haas, Williams e Racing Point, nonostante l’entrata di Aston Martin. Penso anche alla Renault, che l’anno prossimo perderà il suo unico cliente, la McLaren, che a sua volta sarà l’unica a dover modificare lo chassis per ospitare il motore Mercedes nel 2021″.

Nel frattempo, l’attuale annata prosegue all’insegna dell’incertezza, tanto da precludere, al momento, qualsiasi calendario sicuro: “Non ci sono le condizioni per fissare date con certezza – conclude Minardi – In ogni Paese, il virus evolve in modo diverso. Per questo non si può stilare un calendario di gare”

Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.