DichiarazioniFormula 1

Mercedes, l’incubo della penalità per Hamilton

La scuderia tedesca sta cercando di capire se il motore della monoposto numero 44 debba essere sostituito oppure no in vista delle ultime battute del mondiale

Il team non dorme sogni tranquilli a causa di alcune problematiche sul motore di Hamilton e di un gruppo di ingegneri concentrati sul 2022

Questo mondiale 2021 ci sta regalando non pochi colpi di scena. E, dopo l’ultima gara andata in scena sul circuito di Istanbul, sembra che le sorprese non siano ancora finire. Si è parlato molto, e si continua a farlo, del motore della monoposto numero 44 e sulle conseguenti penalità che potrebbero abbattersi sulla Mercedes di Lewis Hamilton. Dopo la sostituzione del quarto propulsore in Turchia, sembrava che le cose fossero finalmente tranquille per il britannico…anche se in realtà la penalità potrebbe essere dietro l’angolo.

Fino alla scorsa settimana sembrava che le cose fossero sotto controllo all’interno della scuderia tedesca. Lewis non aveva grossi problemi nel gestire la sua vettura, mentre a farne le spese era stato Valtteri Bottas, scattato dal fondo della griglia, dopo aver sostituito la sua quarta unità di potenza. A una settimana dal prossimo appuntamento mondiale, però, le cose non sembrano essere così rosee.

MERCEDES A RISCHIO PENALITÀ?

Una notizia che sicuramente non farà dormire sogni tranquilli né a Hamilton né alla Mercedes. Soprattutto in una situazione mondiale come quella attuale, in cui anche solo il minimo errore può costare il titolo iridato ai due contendenti. Nel caso di Lewis Hamilton, il pilota della Mercedes sta ora montando il suo terzo motore, sostituito prima del Gran Premio del Belgio. Nonostante abbia pochi chilometri già percorsi, questo nuovo motore sembra dare qualche gatta da pelare al britannico. Questo anche per il semplice fatto che sarebbe stato pensato per essere utilizzato solamente durante le prove libere.

Tuttavia, sembra che per i prossimi appuntamenti del mondiale non sia ancora stata presa una decisione sul da farsi. “Non abbiamo ancora deciso se questo motore sarà utilizzato in un’altra gara oppure se lo useremo solo il venerdì“, ha dichiarato Toto Wolff. “Al momento possiamo solo ridurre i problemi e superarli nel miglior modo possibile. Non ha senso costruire pezzi nuovi“, ha concluso poi il team principal della Mercedes. Una situazione non facile per il team tedesco, che si trova ad avere un pilota alle prese con il titolo mondiale e un gruppo di ingegneri totalmente concentrati sull’unità di potenza 2022

In altre parole, sembra che Lewis Hamilton e il suo team si troveranno ad affrontare decisioni non semplici. Attualmente il pilota della Mercedes occupa la seconda posizione nella classifica piloti, a soli sei punti da Max Verstappen. È indubbio che il mondiale sia ancora completamente aperto e che un’eventuale penalità potrebbe definitivamente mescolare le carte in tavola.

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.