DichiarazioniFormula 1

Marko: “Ci manca avere Ricciardo nel team”

Il pilota australiano ha lasciato un vuoto in Red Bull, solo parzialmente colmato da Albon e Gasly

Helmut Marko, ex-pilota austriaco e consulente sportivo Red Bull, rimpiange la presenza di Ricciardo nel box

Dopo cinque stagioni passate in Red Bull, nel 2019 Daniel Ricciardo ha lasciato il team di Milton Keynes in cambio di un sedile in Renault. L’australiano è stato sostituito da Pierre Gasly, poi rimpiazzato dal rookie Alexander Albon dopo la pausa estiva. L’assenza dell’Honey Badger ha però lasciato un vuoto nel team, così come ammette lo stesso Helmut Marko. “Quando Ricciardo ha firmato con Renault tutto il team ha subito uno shock” – rivela l’ex-pilota BRM.

“L’atmosfera adesso nel team è buona” – spiega Marko, riportato da Motorsport-Magazin.com – “ma il clima non è più così gioviale da quando Daniel ha cambiato scuderia. Sicuramente è uno dei piloti più veloci in circolazione e sa spingere quando serve alla squadra. Ci mancano molto anche le sue battute“.  Il consulente sportivo però non è l’unico a sentire la mancanza del pilota originario di Perth. Anche Max Verstappen, compagno in Red Bull di Ricciardo per tre stagioni, ammette di rimpiangere Daniel, desiderando un compagno di squadra come lui.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

One year on. Missing bae like crazy. Helmet swap super necessary.

Un post condiviso da Daniel Ricciardo (@danielricciardo) in data: 3 Dic 2019 alle ore 9:32 PST

IL POST-RICCIARDO

La prestazioni Pierre Gasly in Red Bull avranno sicuramente fatto rimpiangere ancor di più il numero #3 Renault. Il francese non è riuscito a brillare ed ha dovuto lasciare il posto al neo-promosso Alexander Albon, rookie della Toro Rosso. Il pilota anglo-thailandese è stato all’altezza delle aspettative, costantemente nei primi dieci ha sfiorato il podio in Brasile, negatogli da un contatto con Lewis Hamilton. “Alex ha fatto molto bene” – sostiene Marko, conscio del potenziale del ventitreenne.

Marko è sicuro che Albon abbia ampio margine di miglioramento e che possa essere molto utile alla scuderia. Come spiega egli stesso: “Alex si è unito al team senza aver mai provato la macchina ed è riuscito a concludere sempre a punti tranne che in Brasile, dove potevamo ottenere uno storica doppietta, per colpa di Hamilton. Alex ha molto senso critico, sa dove può migliorare ed è molto positivo. Siamo sicuri che sarà un buon compagno di squadra per Verstappen”.

Pubblicità

Matteo Tambone

Mi chiamo Matteo, sono uno studente di Laurea Triennale in Fisica presso l'Università Federico II di Napoli. Velista e windsurfer, mi piace considerarmi uno sportivo a tempo pieno. Appassionato di Motorsport in tutte le sue forme, seguo la Formula 1 da sempre ed è uno dei miei argomenti di discussione preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button