Formula 1

Kimi Raikkonen, nuova delusione in Cina: «E’ stato un fine settimana difficile»

Doveva essere l’antagonista di Fernando Alonso, l’uomo chiamato da Luca di Montezemolo per dare del filo da torcere allo spagnolo che l’anno scorso si era mostrato troppo insofferente nei confronti di una vettura che non prendeva il decollo. La Ferrari ha preso il finlandese per schierare un dream team in grado di lottare per il mondiale costruttori con due campioni del mondo. Sulla carta la coppia più forte del 2014. Eppure, tra sfortuna, carenze della F14T e problemi di adattamento di Iceman alla monoposto, volendo utilizzare una frase fatta, il Raikkonen visto in questa stagione, fino ad ora, sembra solo il gemello cattivo del pilota capace di gare strepitose con la Lotus E21.

Come è avvenuto nel biennio 2008/2009, la Ferrari sembra far male a Kimi che in Rosso pare perdere per strada la sua anima da guerriero. Anche dopo il Gran Premio della Cina, la delusione è tanta: «E’ stato un fine settimana davvero difficile, fin dal venerdì mattina ho sofferto di problemi che non siamo riusciti a risolvere del tutto e oggi in gara non ho ottenuto il risultato che volevo. La partenza è stata buona, ho guadagnato due posizioni, ma poi non sono riuscito a guadagnare terreno, non avevo il passo e avevo poca aderenza sia sull’anteriore che sul posteriore – ha sottolineato il finlandese – Nell’ultimo stint con gomme nuove la vettura si è comportata meglio, ma poi con il degrado degli pneumatici la situazione è tornata a complicarsi».

Ha continuato il finlandese: «Credo che le difficoltà incontrate qui siano dipese da una combinazione di diversi fattori, dal mio stile di guida unito alle basse temperature e alle caratteristiche del tracciato. Oggi abbiamo portato a casa punti preziosi grazie all’intenso lavoro di tutta la squadra, ed ora continueremo a lavorare senza sosta per migliorare. Il risultato di Fernando è molto incoraggiante, è la prova che stiamo andando nella direzione giusta».

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.