Inaugurato il Museo Enzo Ferrari. Ghini: «Voglio che sia un’eccellenza di Modena»

Proprio questa mattina, in occasione del 116esimo anniversario dalla nascita di Enzo Ferrari, è stata inaugurata a Modena, dopo il rinnovamento, il Museo Enzo Ferrari. Presenti per l’occasione, oltre che Antonio Ghini, direttore della struttura, anche Piero Ferrari, che ha avuto l’onore di tagliare il nastro e, Luca di Montezemolo, attuale numero uno del Cavallino Rampante. Una serie di stendardi, di bandiere dell’Italia e dell’Europa, accompagnano il visitatore verso l’entrata al civico 85 di via Paolo Ferrari: nel padiglione principale, oltre alle automobili più significative della storia del Drake versione pilota, è come se l’appassionato entrasse in una vera e propria macchina del tempo, capace di percorrere 100 anni di storia attraverso una multi-proiezione di suoni, immagini ed emozioni.

Arte, tecnologia, design. Parole alle quali deve aver pensato anche Jan Kaplichy, l’architetto ceco che ha realizzato la struttura è che è venuto a mancare poco prima dell’apertura della Casa Museo, due anni fa: «Rivoluzione, è la parola giusta per il museo inaugurato nel 2012 che oggi è gestito direttamente dall’azienda di Maranello dopo che nel primo anno e mezzo la gestione ha in parte zoppicato – ha sottolineato Antonio Ghini a la Gazzetta di Modena – Il primo anno hanno avuto 65 mila visite, ma il limite oltre il quale si inizia a guadagnare è circa 140 mila visite. L’obiettivo è superare quota 100 mila visitatori il primo anno. Il mio sogno è fare di questo museo una vera eccellenza di Modena». Un’eccellenza come S. Agostino, le collezioni Panini e le acetaie attraverso una speciale sinergia con la sede di Maranello. Perché le due città sono collegate dalla storia: a Modena la vita dell’uomo che l’ha creata e le auto da sogno che oggi si trovano a Maranello, simbolo del presente e del futuro come realtà di un passato di successi tra auto da serie e massima categoria dell’automobilismo sportivo.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.