Haas Racing: alla volta della Formula 1 con Danica Patrick?

Gene Haas, un nome ancora poco conosciuto in Europa ma che negli States è praticamente un simbolo per gli amanti del Motorsport. Dopo l’ufficializzazione che la Haas Racing è stata ammessa al mondiale di Formula 1 a partire dalla stagione 2015, si è svolta la prima conferenza stampa dove il proprietario ha svelato le prime curiosità a riguardo di quello che sarà il suo team di Formula 1. L’obiettivo primario non è quello di essere un’effimera apparizione nella classe regina del Motorsport ma di trasformarsi in un costruttore nel medio-lungo termine: «Il nostro obiettivo è quello di diventare un costruttore. La nostra prima auto non sarà frutto di Haas Formula, ma avrà un sacco di tecnologia dei nostri partner – ha sottolineato Gene – Dovremo imparare a fare tutto in casa per battere gli europei nel loro stesso campo».

Ha continuato l’imprenditore americano, che negli States ha anche una scuderia in Nascar: «Abbiamo avuto colloqui preliminari con Dallara e sono pronti a cominciare. Sarebbe impossibile pensare di allestire una factory, ingaggiare tutte le persone e realizzare un telaio in appena nove mesi. Dovremo scendere a compromessi e acquistare tutto il possibile. Il 2015 è molto vicino, mentre il 2016 è troppo lontano. Non sarà facile, ma proveremo ad esserci già il prossimo anno». Se per il telaio le cose con Dallara sembrano ormai essersi concluse in via definitiva, più complicato è la questione del motore. Se almeno in un primo memento sembrava certo l’acquisizione della power unit Ferrari, gli uomini di Haas starebbero valutando anche i ben più performanti propulsori Mercedes: «Vogliamo prendere la giusta decisione. Non annunceremo nulla nelle prossime sei settimane».

Tutto tace sulla questione piloti invece, eppure un’ipotesi concreta esiste. L’ingresso in Formula 1 del team Haas apre un’interessante corsa ad altri due sedili nella massima serie del Motorsport in chiave 2015. A sorpresa potremmo vedere una donna tornare a correre nel Circus: il nome sarebbe quello di Danica Patrick, già pilota del team Nascar Stewart-Haas in Nascar. L’americana, prima donna a vincere una gara del campionato Indy, avrebbe tutte le carte in regola per confrontarsi con i colleghi e soprattutto potrebbe portare importanti risvolti commerciali non solo per la scuderia di appartenenza ma anche in scala più grande, per l’intero ambiente della Formula 1 in un momento dove l’appeal del Circus è ai minimi storici.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.