DichiarazioniFormula 1Gran Premio Ungheria

GP Ungheria, Ocon: “Non riesco ancora a crederci”

Le dichiarazioni a caldo del pilota francese della Alpine, autore di una vittoria sorprendente e di cui si ricorderà per tutta la vita

Le parole di Esteban Ocon ai microfoni di Johnny Herbert

A volte lo sport è proprio strano. Esteban Ocon al termine del 2018 era rimasto senza un sedile, costretto a guardare le corse dal televisore dall’anno successivo. Poi è tornato nella mischia grazie a Renault, che ha creduto in lui mettendolo nello stesso team con due ossi durissimi: prima Daniel Ricciardo, e poi Fernando Alonso. Ed è nella difficoltà di dimostrare il suo valore con le spalle al muro che il giovane francese si è esaltato, arrivando fino all’incredibile vittoria in questo pomeriggio ungherese.

Certo, una vittoria anche fortunosa. Perchè Ocon ha sfruttato prima la clamorosa carambola alla partenza, e poi l’harakiri della Mercedes, che ha fatto rientrare Hamilton con le intermedie quando la pista ormai era asciutta. Ma poi il francese ci ha messo tanto del suo. Resistendo alla grande ad un pilota molto più esperto di lui come Sebastian Vettel, che ha provato a sopravanzarlo dopo il pit-stop. E senza commettere mai una singola sbavatura. Cosa non scontata per un pilota disabituato a lottare nelle posizioni di cartello.

“Che momento! Sensazione troppo bella. La mia prima vittoria è particolarmente dolce. Sono tornato in Formula 1 l’anno scorso e abbiamo trascorso anche dei momenti non semplici. Ma insieme al team siamo sempre riusciti a venirne fuori. Sapevamo di avere un buon passo, ma mai ci saremmo aspettati una vittoria. Davvero incredibile”, queste le prime parole di Ocon prima di salire sul gradino più alto del podio.

IL RINGRAZIAMENTO AD ALONSO

“Congratulazioni anche a Fernando, se ho vinto è anche grazie alla difesa che ha fatto su Lewis. Il team mi ha ricoperto di fiducia in ogni momento. Anche in quelli difficili, quando magari non entri nel Q2 perchè sei stato eliminato di pochi centesimi, e non sai cosa fare. Abbiamo continuato a crederci e finalmente è arrivata questa grande soddisfazione. Sono al settimo cielo”.

Dei ringraziamenti doverosi. Perchè Alonso, incosciamente, è stato decisivo nel coronare la grandiosa giornata della Alpine, frenando la rimonta di Hamilton con una difesa da vero fuoriclasse. Per Ocon Fernando è una sorta di guida, un maestro dal quale sta cercando di carpire ogni singolo segreto.

“Lavorare con Fernando è fantastico, e da lui sto imparando tanto. Tanto mi dicevano molte cose su di lui, prima che si arrivasse. Ma si sbagliavano di grosso. Lui è un ragazzo meraviglioso, che sa come lavorare per far crescere il team. Sono contento di lavorare con lui. Vorrei che i miei genitori fossero tutti qui con me, ma verranno domattina presto e passeremo una grande giornata tutti insieme”, ha quindi concluso Ocon, prima di lasciarsi andare ai festeggiamenti

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.