DichiarazioniFormula 1Gran Premio Stati Uniti

GP Stati Uniti, la conferenza stampa dei top team

Ecco le prime dichiarazioni del weekend motoristico americano dei piloti di Scuderia Ferrari, Mercedes e Red Bull

Alla vigilia del diciassettesimo appuntamento mondiale, il GP degli Stati Uniti, i protagonisti si confrontano tra loro nella classica conferenza stampa del giovedì

Mancano solo cinque tappe alla conclusione di questo combattutissimo mondiale, manca davvero poco per sapere chi sarà il Campione del Mondo 2021. Il GP degli Stati Uniti potrebbe fare da spartiacque per il destino di Max Verstappen e Lewis Hamilton, i principali contendenti. Non meno protagonisti sono i rispettivi (e preziosissimi) compagni di squadra Sergio Perez e Valtteri Bottas. Anche Ferrari si difende: la rimonta di Carlos Sainz in Turchia, la gestione solida di Charles Leclerc fanno ben sperare i tifosi della Rossa. Alla vigilia del GP degli Stati Uniti, emergono la competitività e la voglia di gareggiare dei protagonisti del 2021. 

FERRARI: LECLERC E SAINZ SUL PEZZO

Ad aprire le danze nel weekend a stelle e strisce è Charles Leclerc: “Sono andato a Milwaukee dove ho assistito alla partita di NBA con la cerimonia di premiazione dei campioni dello scorso campionato. È stata una bella esperienza. La mia città preferita negli USA comunque resta Los Angeles, l’ho scoperta qualche anno fa ed è un luogo perfetto per staccare dalle corse”.

Quanto è importante battere Sainz? È sempre importante. Carlos è un compagno molto forte che sta facendo davvero bene nel team, ma c’è competizione e ci spingiamo l’un l’altro a vicenda, è un bel duello da vedere. Non vedo l’ora di tornare in pista per il weekend, adoro questo tracciato. Nel 2019 era un po’ sconnesso, ora la situazione sembra migliore. Magari la pista è un po’ meno adatta alle nostre caratteristiche, ma il pacchetto va nella direzione giusta. L’obiettivo è stare davanti alla McLaren”, ha affermato il monegasco. 

Riguardo il ritorno oltreoceano si è espresso anche il compagno di squadra Carlos Sainz: “Degli Stati Uniti apprezzo tutto: il cibo, le città e negli ultimi anni, da quando esiste Drive to Survive i tifosi americani si sono moltiplicati. Il fatto poi che adesso corro per la Ferrari ha contribuito ancor di più a farmi conoscere. Anche per questo sono contento che nella prossima stagione avremo due gare in questo paese. Per questo weekend siamo pronti a giocarcela con i nostri diretti rivali e mi aspetto una sfida aperta, ma avremo le idee più chiare domani”.

MERCEDES: FIDUCIA DELLE SILVER ARROWS

Le parole di Lewis Hamilton hanno rivelato quanto sia importante per lui capitalizzare i risultati: “È importante vincere ogni gara, massimizzando i nostri punti. Questo è il nostro obiettivo nelle prossime sei gare. Sarà incredibilmente difficile e ci saranno momenti in cui potremo forse superare la Red Bull. Non mi piace dare per scontato un risultato, ma di solito Red Bull è molto forte in Messico. Affronteremo una gara alla volta, dando tutto ciò che abbiamo”. 

Qui sono tutti pazzi per gli sport. NBA, Nascar, ora Formula 1. C’è sempre più azione e i progressi che ho visto negli anni sono stati enormi. Certo, negli ultimi due anni è stata l’ascesa più ripida: sempre più persone ne parlano, sempre più persone si impegnano. È una buona cosa questa voglia di sport ed è bello vedere la risposta del pubblico“, ha concluso Hamilton.

Valtteri Bottas è stato molto chiaro, tra i suoi obiettivi c’è la vittoria: “È andata molto bene nelle ultime gare quindi non vedo perché non possa nuovamente puntare alla vittoria in questo GP degli Stati Uniti. Questo è il mio obiettivo per domenica. Mi sento bene e anche il feeling con la macchina è buono. La pista sembra piena di buche? L’ultima volta era al limite, ma confidiamo nella ri-asfaltatura”. 

“Abbiamo interrotto lo sviluppo della nostra vettura relativamente presto, perché il team è già impegnato con il 2022. Penso che in questo momento la nostra vettura si faccia preferire rispetto alla Red Bull, ma ritengo che sia principalmente perché comprendiamo sempre meglio come impostare correttamente il bilanciamento”, ha dichiarato il finlandese.

RED BULL: LAVORARE PER ESSERE AL TOP

Max Verstappen ha commentato in risposta a Mercedes: “Preoccupato della Mercedes? No, non sono preoccupato perché so che possiamo fare dei miglioramenti. Ma dobbiamo fare sicuramente un passo avanti rispetto alla Turchia. All’Istanbul park abbiamo ripreso la testa del mondiale, però abbiamo notato che la prestazione non è stata ottima. Loro hanno sicuramente fatto un passo avanti, ma su questo non abbiamo controllo. Dobbiamo lavorare e migliorare il nostro pacchetto”. 

Come andremo qui? La pista è diversa, al simulatore è sembrato fossimo messi bene, ma lo scopriremo dopo le prime libere. Comunque questa pista mi piace, in particolare il primo settore in qualifica e l’ultimo in gara perché offre opportunità di sorpasso”, afferma Verstappen. 

Anche Perez si esprime riguardo la rivalità con Mercedes: “Siamo consapevoli che dobbiamo massimizzare il nostro pacchetto. La Mercedes è stata molto forte nelle ultime quattro o cinque gare e non siamo stati di tenere il loro passo in termini di velocità. Ma sono convinto che Austin e Messico saranno due buone piste per noi. Io sto lavorando bene con il mio gruppo e questa sarà una gara importante. Sono davvero carico, così come tutto il team. Spero di salire sul podio anche ad Austin. Ci sarà tanto tifo per me e per il team”. 

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.