Gran Premio RussiaPirelli Press Area

GP Russia Formula 1 2016: media, soft e supersoft queste le mescole per Sochi

Per la quarta volta in altrettante gare, questo weekend vedrà in pista le mescole media, soft e supersoft. Giunto alla terza edizione, il Gran Premio di Russia si corre su un circuito vario e tecnico, con una superficie molto liscia che per le gomme comporta bassi livelli di consumo e degrado.

IL CIRCUITO DAL PUNTO DI VISTA DEI PNEUMATICI:

  • Anche se la pista ha ormai tre anni, l’asfalto è ancora in evoluzione e potrebbe essere differente rispetto al passato.
  • Con consumo e degrado bassi, non prevediamo un numero elevato di pit stop.
  • Le condizioni meteo tendono a essere miti, quindi il degrado termico non è un fattore determinante.
  • La curva più impegnativa è la 3: un curvone a sinistra con più apici che ricorda la Curva 8 di Istanbul.
  • Circa 1,7 dei 5,848 km del giro sono su strade normalmente aperte alla normale circolazione.
  • Si prevede una notevole evoluzione della pista, visto che non è molto utilizzata durante l’anno.

LE TRE MESCOLE NOMINATE:

  • White medium: una mescola low working range, compromesso ideale tra prestazioni e durata.
  • Yellow soft: cruciale per la vittoria di Rosberg in Cina, dato che ha iniziato la gara con questa mescola.
  • Red supersoft: il significativo vantaggio in termini di performance ne fa il pneumatico da qualifica.

COSÌ UN ANNO FA:

  • Vincitore: Hamilton (una sosta: partito sulle supersoft, passato alle soft nel giro 32).
  • Miglior piazzamento con strategia alternativa: Perez, terzo (anche lui su una sosta, ma sfruttò la safety car per passare dalle supersoft alle soft nel giro 12, percorrendo 41 giri fino al traguardo).
  • In pratica tutti i piloti si fermarono una sola volta, soltanto due effettuarono due pit stop.

infografica-pirelli-gp-cina-2016_mescolePAUL HEMBERY, DIRETTORE MOTORSPORT PIRELLI:
Torniamo in Russia dopo soli sei mesi dalla gara precedente, per cui probabilmente le condizioni primaverili saranno diverse da quelle dello scorso autunno. Questo è uno dei circuiti in calendario con il degrado più basso, sono quindi prevedibili stint piuttosto lunghi anche sulle supersoft, come mostrato da Lewis Hamilton lo scorso anno. Tuttavia, l’aumento delle prestazioni delle monoposto 2016 cui stiamo assistendo porterà a un aumento del consumo,  e le prove libere saranno molto importanti per avere una lettura accurata sul comportamento dei pneumatici in queste nuove condizioni con le vetture di ultima generazione.

 

QUALI NOVITÀ?

  • Mercedes, Ferrari e Red Bull hanno optato per approcci diversi nelle loro scelte pneumatici per Sochi.
  • La Commissione Formula 1 ha accettato la nostra proposta per avere più giornate di test in vista del 2017.

ALTRE CURIOSITÀ:

  • Questo potrebbe essere l’ultimo GP di Russia diurno: per il 2017 è infatti possibile che la gara di Sochi si svolga sotto i riflettori.
  • La competitività della Red Bull: si aspettano di causare “movimento” tra i leader.
  • Dopo il Gran Premio di Russia si può anche andare a sciare: la stagione sciistica a Sochi termina infatti verso il 20 maggio.

LA SCELTA DELLE MESCOLE FINORA:

Purple Red Yellow White Orange
Australia Supersoft Soft Medium
Bahrain Supersoft Soft Medium
Cina Supersoft Soft Medium
Russia Supersoft Soft Medium
Spagna Soft Medium Hard
Monte Carlo Ultrasoft Supersoft Soft
Canada Ultrasoft Supersoft Soft
Azerbaijan Supersoft Soft Medium

 

Pirelli Press Area

Tutte le news dal punto di vista Pirelli, con le statistiche e le infografiche dei circuiti e i comportamenti dei pneumatici gara per gara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio