Ferrari MediaGran Premio Italia

Gp Italia Formula 1 2014: un circuito speciale per la Ferrari

fernando_alonsoFernando Alonso: “Per diversi motivi quello di Monza è un venerdì un po’ più particolare degli altri, più sentito per la nostra squadra nel fine settimana della gara di casa. Le caratteristiche del circuito lo rendono unico nel suo genere: qui si gira con poco carico aerodinamico, senti la vettura più veloce sui rettilinei, più leggera nelle curve e per questo motivo occorre provare diversi livelli di carico. In generale sono soddisfatto del lavoro fatto su set-up e gomme, e soprattutto per il tempo registrato con il carico di benzina che avevo a bordo. Sul finale temevamo di avere un problema, ma per fugare ogni sospetto siamo usciti per un altro giro e tutto sembrava essere tornato alla normalità. Adesso ci prepariamo per domani e speriamo di poter fare bene per i tanti ferraristi che già oggi erano a fare il tifo sugli spalti”.

Kimi RaikkonenKimi Raikkonen: “Oggi è stata una giornata molto intensa ma positiva, abbiamo sfruttato ogni minuto disponibile in entrambe le sessioni, riuscendo a provare tutto quello che avevamo in programma. Al mattino ci siamo concentrati sull’analisi di diverse configurazioni aerodinamiche alla ricerca della miglior livello di carico, mentre nel pomeriggio abbiamo optato per una soluzione intermedia che è sembrata essere la più performante con entrambe le mescole. La differenza tra Medium e Hard è più o meno quella che ci aspettavamo: il comportamento delle prime è buono, ma a livello di guidabilità non mi sono trovato male neanche con le dure”.

Pat FryPat Fry: “UQuello di Monza è un circuito speciale, dalle caratteristiche uniche. I suoi lunghi rettilinei e l’esiguo numero di curve richiedono un lavoro dedicato alla ricerca della migliore configurazione aerodinamica, soprattutto nella giornata di venerdì. Anche se in generale le vetture sono più scariche, quest’anno è più complicato del solito trovare l’assetto giusto e individuare quale sia il livello di carico adatto per affrontare curve veloci come la Ascari o la Parabolica. Per questo motivo, sia al mattino che al pomeriggio, abbiamo lavorato per migliorare la stabilità delle monoposto ed ora cercheremo di ottimizzare il pacchetto a nostra disposizione in base ai dati raccolti da entrambi i piloti. Fortunatamente oggi non si sono verificati imprevisti ed è stato importante riuscire a completare il programma anche per valutare le prestazioni degli pneumatici, la cui capacità di generare aderenza assume ancor più valore quando si gira con configurazioni aerodinamiche più scariche. Nel complesso siamo soddisfatti di questa giornata di lavoro, anche se sappiamo che ad attenderci è un fine settimana particolarmente impegnativo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.