DichiarazioniFormula 1Gran Premio Francia

GP Francia, Mercedes: “Swap del telaio? Cosa normale”

La W12 al Paul Ricard si è ripresentata come una monoposto in grado di dare del filo da torcere alla Red Bull. Per l’occasione la competitività di Lewis Hamilton torna a essere accompagnata da quella di Valtteri Bottas

Il ritorno su una pista più tradizionale, per il GP di Francia, ha riportato entrambe le Mercedes a giocarsela con Max Verstappen. Un venerdì quindi positivo, ma non completamente almeno per l’eptacampione britannico

Una Mercedes in grande spolvero quella vista questo venerdì al Paul Ricard. Che ritorna a essere la solita Mercedes dopo le difficoltà di Monaco e Baku, e che riacquista anche un grande Valtteri Bottas. Sarà lo swap del telaio con il suo compagno di squadra o sarà grazie a qualcos’altro, sta di fatto che il finlandese in occasione del GP di Francia sembra aver ritrovato il suo miglior smalto classificandosi primo nelle FP1 e secondo nelle FP2 – in entrambe davanti a Lewis Hamilton.

Archiviate le piste cittadine le frecce d’argento, su un layout decisamente più classico, appaiono nelle condizioni di competere con maggior forza contro la Red Bull di Max Verstappen. Guardando alle simulazioni di giro veloce e di passo gara risulta evidente come le due contendenti al titolo siano piuttosto ravvicinate. Nelle seconde libere solo otto millesimi separano l’olandese dalla prima W12; mentre ha impressionato il long run dell’ex Williams.

Ci si può chiedere se il rinvenimento di Bottas sia dovuto solo al cambio di chassis. E quindi magari riportare a questo il distacco accumulato da Hamilton in ambedue le sessioni (FP1: +0.335; FP2: +0.253). Un’idea principalmente avvalorata da un team radio sofferente dell’inglese, che riporto ma che non convince considerando il fatto che il finlandese, in tutta probabilità, ha avuto semplicemente una giornata migliore del sette volte campione del mondo.

CHIAVE DI VOLTA

“È difficile capire se [ndr. la prestazione] sia dipesa dal telaio o dalla pista, sicuramente le sensazioni sono migliori. Mi sento più a mio agio. Abbiamo iniziato il weekend con il piede giusto; tutto sembra a posto. Il bilanciamento è buono, mentre le gomme funzionano bene. Sono fiducioso con la macchina e questo fa la differenza”, ha detto il pilota di Nastola. Parlando del confronto con quelli di Milton Keynes: Penso che saremo vicini. Ci aspettiamo una Red Bull forte”.

“Non so se sia stato dipeso dalle pressioni delle gomme, ma oggi abbiamo scivolato tanto. Sto valutando ogni opzione [ndr. per recuperare]. Abbiamo apportato svariate modifiche sulla monoposto, dovremo fare ancora delle analisi con la speranza che domani possa andare meglio. Ma non lo sapremo fino a che non torneremo in pista. I tempi comunque non sono terribili. Siamo vicini, quindi almeno siamo dentro alla lotta, ha detto il britannico commentando il suo venerdì. Alla domanda invece rivoltagli su una qualche influenza derivata dal telaio sulla sua performance ha risposto: “Non credo. Raramente ci sono differenze tra telai”.

Toto Wolff, Team Principal della Mercedes, ha spiegato così lo scambio: “Scambiamo le componenti per tutta la stagione. Fa parte della nostra pianificazione. Si tratta di telai che stanno correndo la loro seconda stagione, e non vogliamo mettere milioni di miglia su uno solo. In ogni modo è positivo ricevere un feedback. Abbiamo in ogni caso un telaio di scorta nuovo di zecca e possiamo sempre usarlo. Sentendo gli ingegneri non dovrebbe esserci nessuna differenza, ma se il pilota ne sente la necessità vale la pena provare. Tanto bisogna solo cambiare”.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.