Formula 1Gran Premio Arabia Saudita

GP Arabia Saudita, Perez: “È incredibile, è stato un giro unico”

Sergio Perez è riuscito in occasione delle qualifiche del GP dell’Arabia Saudita a conquistare la sua prima pole position in carriera in F1

Sergio Perez ha conquistato la pole position nelle qualifiche del GP dell’Arabia Saudita ed equivale alla sua prima in carriera in Formula 1 e anche alla prima di un messicano nella massima serie

Una qualifica piena di inconvenienti quella del GP dell’Arabia Saudita che prima di arrivare alla conquista della pole position di Sergio Perez ne ha viste tante. Partendo dalla prima manche c’è stata una prima e breve bandiera rossa causata dall’incidente di Nicholas Latifi, per poi concludersi con l’esclusione di Lewis Hamilton che ha chiuso senza una causa apparente in sedicesima posizione.

Il momento più buio della sessione con tanta apprensione invece, c’è stato nel corso del Q2 in cui il pilota della Haas Mick Schumacher è andato ad impattare bruscamente contro le barriere, dopo aver perso il controllo della sua monoposto per essere passato in maniera “obsoleta” su un cordolo. Tuttavia, dopo i primi istanti sono arrivate comunicazioni sul suo stato di salute e l’azione in pista è ripresa normalmente.

Alla ripresa dell’azione e nel dettaglio nell’ultima manche delle qualifiche in cima alla classifica si sono alternati i due piloti della Ferrari, prima lo spagnolo Carlos Sainz e dopo il monegasco Charles Leclerc, ma nell’ultimo tentativo Sergio Perez ha spiazzato tutti registrando il crono di 1:28.200 e girando più veloce di soli 0.025s ha conquistato la sua prima pole in carriera in Formula 1.

Al termine delle qualifiche, un emozionato Checo ha dichiarato: “Ci sono volute un po’ di gare per arrivarci, ma che giro. Incredibile. Anche se dovessi fare mille giri non penso di poterne fare altri così. Non ci aspettavamo di poter battere le Ferrari in qualifica. Ci concentravamo maggiormente sulla gara e speriamo di poter vincere anche domani”.

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.