Curiosità dalla F1

Vergne fuori dalla Formula 1 anche nel 2016: «Rispetto la decisione di Haas»

Il team Haas schiererà Romain Grosjean ed Esteban Gutierrez per la sua stagione di debutto in Formula 1. Jean-Eric Vergne è stato lasciato a bocca asciutta, bloccato nella posizione di terzo pilota Ferrari, dopo aver perso il sedile in Toro Rosso a fine 2014 a vantaggio di uno dei due rookie figli d’arte Sainz e Verstappen. Tuttavia il pilota francese non nutre rancori nei confronti del team americano e punta al ritorno in classe regina, orbitandovi sempre attorno da un lato grazie al Cavallino e dall’altro con il campionato di Formula E.

«Ovviamente come pilota vuoi gareggiare al top, che è la Formula 1, ma rispetto la decisione. –dichiara il 25enne a motorsport.com– Haas sta lavorando in modo molto professionale e auguro loro il meglio. Sono sicuro che possano avere una buona macchina e auguro il meglio anche ai due piloti. Le cose avvengono per una ragione e spero che accada qualcosa di buono, non si sa mai. Sono concentrato sulla Ferrari, e qualsiasi sia il mio ruolo, darò il meglio e li aiuterò come potrò, quindi vedremo cosa accadrà». 

Vergne è attualmente impegnato in Formula E con il team DS Virgin, ma ammette che la sua prima stagione completa fino ad ora è stata più ardua di quanto previsto. «Ritengo che la scelta di andare in DS sia stata ben meditata, poiché essere in un costruttore francese significa molto per me. E’ stato nettamente molto più difficile (rispetto alla prima stagione) specialmente perché non ho totalizzato alcun punto (nei primi due Gran Premi), perciò non siamo dove volevamo essere»- ha concluso.

Topics
Pubblicità

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close