2018

Formula 1 | Steiner: “Non possiamo continuare a perdere punti”

Il team principal del team Haas, Gunther Steiner, difende Grosjean ma esprime qualche preoccupazione riguardo all’impatto finanziario dei punti persi fin qui

Topics

Il team Haas, nonostante a neanche metà stagione aver già segnato più punti dell’intera scorsa annata, ha dissipato molti dei suoi punti nelle sue prime gare dell’anno, a partire dal primo weekend australiano, quando un doppio problema al pit stop ha vanificato una quarta ed una quinta posizione guadagnate dai due piloti prima della sosta.

All’appello mancano sicuramente i punti di Romain Grosjean, in quanto il pilota francese è andato ha centrato la top dieci solo in una delle prime dieci gare; tra incidenti (gravissimo quello sotto safety car in Azerbaijan) ed altre sfortune, ci si è messo un contatto con Sainz nell’ultimo weekend a metterlo fuori gara.

Punti mancanti che potrebbero esser pagati a fine stagione, in quanto potrebbero valere posizioni nella classifica costruttori, dunque ingenti somme di denaro in meno nelle casse del team. Gunther Steiner, team principal del team si è detto frustrato dalla situazione, ma non ha negato l’appoggio a Grosjean, nella speranza che la situazione possa ribaltarsi.

“Non la chiamerei sfortuna, è un po’ frustrante – ha detto Steiner. – Speravamo tutti di star entrando in un periodo positivo ed ora siamo di nuovo in confusione e dobbiamo uscirne. Ne usciremo, ma è sempre un duro lavoro.”

“Ogni volta speriamo che tutto si trasformi per lui, ma puntualmente ricapita un episodio negativo. Sicuramente ce la farò, ma non è facile.”

Continuerò a sostenere Romain perché voglio avere successo come squadra, ma non possiamo continuare a perdere punti. Siamo nel mezzo della stagione ed abbiamo perso molti dei nostri soldi. Questo non è realmente accettabile.”

“Abbiamo bisogno di segnare punti, fare il massimo in ogni weekend di gara. Per noi è importante progredire piuttosto che restare fermi . Sostengo Romain e questo è il mio dovere, perché devo andare avanti, ma a un certo punto, come ho detto prima, dobbiamo smettere di perdere punti – ha concluso il team principal altoatesino.”

Topics
Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti