2019Formula 1

Formula 1 | Piove sul bagnato per la Williams: gli specchietti e la sospensione anteriore sono irregolari

Prosegue anche al di fuori della pista il momento negativo per la Williams, che sarà costretta a modificare pesantemente la FW42 per gareggiare in Australia

Topics

Un titolo che dice tutto. Piove letteralmente sul bagnato per la Williams, che sta vivendo forse il momento più basso della propria storia in Formula 1, sia dal punto di vista tecnico, che da quello amministrativo e di gestione. La scuderia fondata dal celeberrimo Frank Williams ha cominciato il proprio triste calvario dalla passata stagione, con risultati sportivi che erano lo specchio dei numerosi problemi ben più grossi che stava vivendo la gestione della squadra. Conclusa con l’ultimo posto nella classifica costruttori con soli 7 punti, per il team inglese il 2019 si prospetta ancor più complicato e in salita, con una vettura che già da Barcellona è apparsa poco performante.

Che qualcosa non andasse lo si annusava da tempo, ma la prima settimana di test spagnoli ha tolto tutti i dubbi che c’erano attorno al team guidato da Claire Williams. Un ritardo clamoroso dell’arrivo in Spagna della monoposto ha costretto il team a saltare i primi due giorni di test, compromettendo in parte il lavoro di sviluppo e conoscenza della monoposto per i due piloti titolari. Il team di Grove era forse la scuderia che più avrebbe avuto bisogno di macinare km, cercando di risollevarsi dopo un 2018 disastroso. La line up è formata praticamente da due rookie: Russell, fresco campione in Formula 2, e Kubica, uomo di grande esperienza e caratura nel circus, ma assente da troppi anni con conseguente inesperienza con queste monoposto ibride.

F1 Winter Testing in Barcelona - Day Three
MONTMELO, SPAIN – FEBRUARY 28: A reflection of George Russell of Great Britain and Williams in his wing mirror during day three of F1 Winter Testing at Circuit de Catalunya on February 28, 2019 in Montmelo, Spain. (Photo by Mark Thompson/Getty Images)

Oltre i problemi prestazionali evidenziati già al Montemelò, per la FW42 è arrivata anche una stangata importante dalla FIA, che potrebbe compromettere l’inizio della stagione per gli inglesi. I commissari della federazione internazionale, esaminando la monoposto, hanno trovate due irregolarità evidenti ed importanti. La prima riguarda lo specchietto retrovisore, che come possiamo vedere dalla fotografia appare di forma concava per cercare di sfruttare l’aerodinamica per migliorare la prestazione. Su questa soluzione, chiaramente irregolare, sono stati messi dei paletti decisi dalla FIA, ed è quindi alquanto surreale che la Williams abbia adottato una soluzione del genere.

F1 Winter Testing In Barcelona - Day One
George Russell Williams during F1 test celebrated at Circuit of Barcelona 26th February 2019 in Barcelona, Spain. — (Photo by Urbanandsport/NurPhoto via Getty Images)

La seconda irregolarità è forse quella che potrebbe causare più noie al team inglese. La FIA ha analizzato la sospensione anteriore della FW42 individuandone un’importante irregolarità che, molto probabilmente, comporterà numerosi problemi al team essendo una componente fondamentale nel progetto firmato dal capo tecnico Paddy Lowe. Questa irregolarità sarebbe causata da un sollevamento evidente di un braccio della sospensione, che trovandosi in posizione orizzontale garantirebbe un enorme vantaggio dal punto di vista aerodinamico.

Tutto questo risulta surreale considerando le continue comunicazione che avvengono tra FIA ed i team, con la Williams che non si sarebbe preoccupata di questa evidente irregolarità. in questo momento quello che servirebbe è un nuovo progetto, considerando però le numerose difficoltà tecniche e di gestione che sta affrontando il team, diventa difficile pensare che riescano ad arrivare in Australia con una nuova monoposto regolare. Piove sul bagnato dunque, e la situazione a Grove è più grave di quando possiamo immaginare: non ci resta che vedere cosa succederà in Australia.

Topics
Pubblicità

Andrea Barilaro

Mi chiamo Andrea, ho 21 anni, abito a Milano e sono uno studente universitario. Ho una passione enorme per Formula 1 fin da piccolo, e negli anni questa passione è diventata sempre più grande. Il sogno è quello di far diventare questa passione un lavoro in futuro: ho iniziato a scrivere i primi piccoli articoli già a 10 anni, e col passare del tempo ho sempre dedicato molto tempo a questa passione. Il primo ricordo di Formula 1 che ho risale al gran premio di Monza del 2007, quando andai all'autodromo per la prima volta con mio padre a vedere la gara, e da quel momento non ho più abbandonato questo meraviglioso sport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button