2019Dichiarazioni dei PilotiFormula 1

Formula 1 | Pierre Gasly: “Sarà utile per me avere Max Verstappen come compagno di squadra”

Pierre Gasly ritiene che avere Max Verstappen come compagno di squadra sarà stimolante per lui e lo spronerà a migliorare. Il pilota francese vuole dimostrare di essere all’altezza delle aspettative della Red Bull, ci riuscirà?

Topics

Pierre Gasly ritiene che il compagno di squadra della Red Bull Max Verstappen sia il “riferimento perfetto” per la sua prima stagione in un top team di Formula 1. Il pilota francese ha effettuato la sua prima intera stagione in Formula 1 lo scorso anno, correndo per la Toro Rosso, prima di essere promosso alla Red Bull Racing per il 2019, dopo che Daniel Ricciardo ha deciso di cambiare scuderia, andando in Renault. Sebbene la Red Bull sia convinta che Pierre Gasly sarà all’altezza del compito affidatogli, il Team Principal della squadra, Christian Horner ha ammesso che la promozione è arrivata prima di quanto in realtà avrebbe voluto.

L’ex pilota della Toro Rosso è convinto che avere al suo fianco Max Verstappen, lo aiuterà a crescere in questa stagione, perciò ha dichiarato: “Penso che al momento Max, basandoci sulle prestazioni mostrate lo scorso anno, seppur è difficile confrontarle con quelle di Lewis Hamilton o Sebastian Vettel, sia uno dei migliori e più talentuosi ragazzi del paddock, quindi per me è perfetto avere un riferimento come lui. Sono sicuro che sarà utile per me continuare ad imparare in Formula 1 e ottenere una performance migliore per me stesso, perciò trovo sempre bello avere un compagno di squadra veloce perché è così che riesci ad estrarre il meglio di te stesso”.

Pierre Gasly si definisce una persona obiettiva e crede anche che la sua capacità di disputare le qualifiche lo aiuterà, perciò ha affermato: “Penso di essere un tipo abbastanza obiettivo e so quando faccio le cose per bene e quando faccio qualcosa di sbagliato ed imparo sempre da questo tipo di situazioni. Mi interrogo sempre su cosa posso fare per migliorare me stesso come pilota, e per sfruttare al meglio il pacchetto che ho a disposizione. Sono in grado di estrarre tutto in un solo giro, il che è importante nelle qualifiche, perché sappiamo tutti che se hai una buona posizione di partenza, la gara sarà molto più facile, e penso che questo sia uno dei miei punti di forza che spero di sfruttare al meglio in Red Bull”.

Topics
Pubblicità

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Altri articoli interessanti

Back to top button