Formula 1 | Kvyat riflette sul periodo di crisi: “Ho preteso troppo da me stesso”

Per la prima volta Daniil Kvyat ha aperto ad una riflessione sul periodo di crisi che sta attraversando, ammettendo di aver preteso troppo da se stesso dopo il passaggio alla Toro Rosso.

Dopo sole quattro gare, alla vigilia del GP di Spagna, Kvyat ha dovuto cedere il suo sedile in favore di Max Verstappen e tornare nella Scuderia di Faenza con cui aveva debuttato nel 2014.
Nonostante il terzo posto in Cina ad inizio stagione, da quando ha lasciato la Red Bull il pilota russo è entrato in un periodo turbolento che ha visto le sue performance calare vertiginosamente.

Credo che tutto sia successo perché ho chiesto troppo a me stesso. Quando ti comporti non fai altro che aumentare la tensione e non è una cosa positiva perché non puoi andare oltre le tue capacità a volte.” ha ammesso Kvyat ai microfoni di ESPN.

Ho provato con tutte le mie forze, pretendendo da me stesso e da questa macchina qualcosa che era impossibile. Dopo le qualifiche di Monaco e Baku ero ottimista e ho pensato che sarebbe andata bene in gara e invece… Ovviamente ero arrabbiato in molto circostanze– ha continuato il russo- e ho provato a forzare le cose e alla fine ho dovuto fare i conti con il mio istinto.

Dopo il passaggio alla Toro Rosso Kvyat è riuscito a conquistare solamente 2 punti rispetto ai 26 del compagno di squadra Sainz Jr. Nell’ultimo appuntamento in Germania Daniil è stato protagonista di una buona gara, ma adesso è tempo di staccare e ricaricare le batterie in vita del GP di Spa.

“Ho esaurito le mie energie ma adesso ho qualche settimana di riposa davanti e so cosa fare per le prossime gare.” ha dichiarato Kvyat e riguardo i programmi per le vacanze ha risposto: “Dormire! Voglio solo spegnere il cellulare, ecco quello che voglio fare! Forse ritornerò sui kart per qualche giorno per rimanere in forma… forse berrò qualche birra in più ma dopo tornerò ad allenarmi-ha scherzato il russo- Durante l’inverno la mia forma fisica era ottima ma demotivandomi l’ho persa, adesso mi rimetterò sotto con il mio personal trainer e tornare il buon vecchio Daniil!”.

Anna Polimeni

Mi chiamo Anna, ho 19 anni e vengo da Torino. La F1? la mia passione, il mio mito? Ayrton Senna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button