2018

Formula 1 | I Team sulla Triple-Header: “È difficile che ci sia di nuovo nel calendario 2019”

I team di Formula 1 si sono riuniti per discutere sulla possibilità di non ripetere la triple-header nella prossima stagione 2019

Topics

Il Gp Gran Bretagna, decima tappa della stagione di Formula 1 2018, che stiamo per assistere, è la gara che chiude un ciclo di tre Gran Premi di fila dopo i Gp di Francia ed Austria, ed al termine di questo weekend, i Team avranno solo un weekend di riposo, prima di tornare ad affrontare i Gp di Germania ed Ungheria, prima della pausa estiva.

formula 1 team triple-headerLo Strategy Group della Formula 1 si è riunito in questa settimana con i proprietari della Liberty Media che ha sottolineato il suo intento di evitare un altro “Triple-Header” (ovvero tre gare in tre weekend consecutivi) per la prossima stagione.

Il boss della McLaren, Zak Brown ha dichiarato: “Da quanto ho capito, il calendario del prossimo anno non avrà di nuovo un “Triple-Header”. È ciò che abbiamo discusso nella riunione con lo Strategy all’inizio di questa settimana, ma non penso che sia definitiva.”

“Penso che la maggior parte dei Team, se non tutti i team, preferirebbero non avere tre gare consecutive,” ha così spiegato Zak.

I Team hanno dovuto assumere più personale affinché aiutassero con le procedure logistiche e problematiche derivate dal “Triple-Header”, come per esempio guidare i camion da un paese all’altro, ed alternando le responsabilità per poter dare ai membri dello staff brevi pause.

Claire Williams, Team Principal della Williams, ha così espresso le sue opinioni a riguardo: La cosa più importante sono le persone. Loro fanno un enorme sforzo, e quando non possono tornare a casa penso che sia una cosa difficile per loro e le loro famiglie. Non credo che avremo di nuovo un “Triple-Header” nel calendario. Probabilmente abbiamo imparato dalla nostra lezione, che questo lavoro è piuttosto difficile per tutti.”

La Formula 1 potrebbe aggiungere il Gp di Miami nel calendario della prossima stagione. Quest’anno c’è il Gp di Germania, che farà parte di un ciclo di cinque gare in sei weekend, quindi è difficile che ci sia.

Il Team Principal della Haas, Gunther Steiner teme che la Formula 1, non tragga beneficio nel inserire così tante gare in veloce successione.

formula 1 team triple-header“Non si tratta solo di una sfida dei team, ma dobbiamo anche sapere che cosa ne pensano i fans, se stia arrivando c’è un fattore di saturazione, se nessuno guarda la terza gara in fila. La Formula 1 è piuttosto brava nel superare le sfide logistiche e tecniche, ed è lì dove andiamo bene. Ma questo porta un costo, finanziario e umano,” ha così dichiarato Steiner.

“Noi possiamo fare tutto, che sia quattro o cinque di fila, ma è davvero ciò che vogliamo fare? Ne vale la pena? Per questo abbiamo bisogno di vedere se ne traiamo beneficio o se è negativo. In tal caso, perché farlo in futuro?”, ha poi concluso il boss del Team Haas.

Anche il boss della Renault Sport F1, Cyril Abiteboul ha voluto dire la sua a Motorsport.com, dichiarando che preferirebbe dare la priorità alla qualità piuttosto che alla quantità: “Una gara di Formula 1 deve essere qualcosa di speciale. Più gare diventeranno una sfida, ma io penso che questo non è il punto fondamentale.”

“Il punto è che sia buono, che qualcosa ti faccia desiderare ancora un pezzettino, come in una storia d’amore. Se sei costantemente disponibile, è possibile che l’amore possa deviare un po’. Quindi, hai bisogno di mantenere quel feeling di qualcosa di speciale”, ha così spiegato in conclusione Abiteboul.

Topics
Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, classe 1986 residente a Fermo nelle Marche. Le mie passioni sono i cavalli e la Formula 1 che seguo dall'Agosto 1998, avendo così avuto la possibilità di vedere correre un certo Michael Schumacher, che poi diventerà il mio pilota preferito, e quindi la Ferrari, di cui sono tifosa sfegatata. Negli ultimi anni, mi sono appassionata di un altro pilota, Fernando Alonso, che apprezzo molto per le sue doti di guida, talento e il suo modo di approcciare una gara, una nuova avventura impegnandosi al 100%. Il mio sogno è di poterlo incontrare un giorno.

Altri articoli interessanti