2018Gran Premio Francia

Formula 1 | Honda sospetta due problemi diversi tra Canada e Francia

Il direttore tecnico di Honda non esclude che i problemi di Gasly in Canada e Hartley in Francia siano stati causati da fattori differenti, mentre le perplessità aumentano circa la nuova specifica del costruttore nipponico

Topics

L‘imperfetto motore Honda continua a generare interrogativi all’interno del team, specialmente al termine della tappa francese, in cui Brendon Hartley è stato frenato a causa di un problema durante le prove libere di venerdì.

Due settimane prima, in Canada, la nuova specifica del motore Honda con l’ICE aggiornato aveva debuttato letteralmente con il botto, dato che Pierre Gasly aveva dovuto affrontare un secondo cambio motore nel corso del weekend tornando alla versione precedente.

In casa Toro Rosso-Honda si sospetta che i piloti siano stati fermati da due problemi diversi, ma occorre attendere il verdetto da Sakura.

Il direttore tecnico di Honda Toyoharu Tanabe, infatti, dichiara ai colleghi di motorsport.com: “Non potevamo dire nulla di specifico dopo la nostra ispezione, bisognava aspettare. Inizieremo ad analizzare nella giornata di martedì in Giappone. L’antidoto dipenderà dal tipo del problema (specifica, qualità,…)”

Dobbiamo ricevere un report sulla nostra ispezione in sede e solo allora potremo capire quanto tempo richiederà o quanto complicata sarà. Abbiamo riscontrato due problemi ma pare che siano di tipologie differenti. Non so dire se differenti sia meglio o peggio per noi, ma dobbiamo trovare la radice del problema e provare a risolverlo per il futuro.”

L’aggiornamento portato a Montreal sarebbe valso 3 posizioni in più sulla griglia di partenza, come aveva affermato Gasly all’inizio del fine settimana canadese. L‘impressione generale è stata tuttavia ridimensionata in breve tempo, inducendo il team a prendere misure precauzionali. Infatti Francia Honda ha deciso di depotenziare la power unit, come ha confermato il pilota Toro Rosso: “Preferirei avere massima potenza tutto il tempo, ma dato che con questo motore correremo per molti gran premi, dovevamo risparmiare il kilometraggio venerdì”.

Il francese ha aggiunto che l’affidabilità della nuova specifica è ancora un’incognita e sarà l’area sulla quale il team di Tanabe-san si concentrerà per la prossima ed ultima miglioria prima di focalizzarsi interamente sul progetto 2019, che sarà esteso alla Red Bull.

Topics
Continua la lettura

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Aspetta! C'è dell'altro!