DichiarazioniGran Premio Stati Uniti

Formula 1 | GP USA 2016, HAAS pronta alla gara di casa tra i 100 GP di Grosjean ed il patriottismo di Gutierrez

Il team americano HAAS è pronto a combattere con onore nella propria gara di casa che rappresenta, tra l'altro, la 100esima apparizione di Romain Grosjean

Quando ho cominciato a correre in Formula 1 mi concentravo solamente gara per gara” – commenta Romain Grosjean, pilota della HAAS che nell’appuntamento di casa festeggia un anniversario molto particolare.
In questo modo ho raggiunto il traguardo dei 100 GP, dieci risultati a podio, qualche punto ed un sacco di bei ricordi anche se le difficoltà non sono mancate: il bello è che non ho idea di quando appenderò il casco al chiodo perchè ho ancora un sacco di opportunità per poter vincere”.

Parole molto motivanti quelle del francese, che non vede l’ora di scendere in pista per portare alto l’onore del proprio reparto corse americano: “Speriamo di ottenere un buon risultato domenica anche se non sarà facile sorpassare sul circuito di Austin: sì, il lungo rettilineo in cui si può azionare il DRS e la curva #1 molto ampia possono dare una mano, ma allo stesso tempo il primo settore delle esse è molto difficile e sarà una bella sfida”.

Allo stesso modo dall’altra parte del box la seconda guida della HAAS, Esteban Gutierrez, ha la motivazione a mille e vuole a tutti i costi portare in una buona posizione la sua VF-16: “Certo, è importante rappresentare l’America in tutto il mondo ma quando ritorniamo in patria e corriamo sul Circuito delle Americhe c’è qualcosa di speciale nell’aria”.
Si respira la passione e la grandissima energia delle persone ed è fantastico – continua il numero #21 che a quanto pare cerca nella popolazione messicana quel qualcosa in più per portare a casa un buon risultato – L’anno scorso c’era tanto Messico anche se era il GP degli Stati Uniti, non avrei potuto pretendere un’esperienza migliore, ma quest’anno avremo prima Austin e poi l’Autodromo Hermanos Rodriguez perciò sarà un’emozione ancora più intensa!”.

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.