DichiarazioniGran Premio Ungheria

Formula 1 | GP Ungheria 2016, Sebastian Vettel: “La macchina mi ha dato buone sensazioni”

Il pilota tedesco della Ferrari, Sebastian Vettel ha chiuso in terza posizione la seconda sessione di prove libere del Gran Premio d’Ungheria, dopo aver trascorso vario tempo nel box a causa di un nuovo problema tecnico alla sua monoposto. Dopo il notevole distacco che gli ha dato la Mercedes nella prima sessione di prove libere di ben 1 secondo e 6 decimi, nella sessione pomeridiana Sebastian Vettel è riuscito a scendere sotto la soglia del secondo di ritardo dalla Mercedes di Nico Rosberg.

La strada per ottenere tale crono però è stata veramente in salita, dato che il pilota tedesco ha trascorso gran parte della sessione nel box, dopo che sulla sua monoposto sono stati riscontrati nuovamente problemi al cambio. Rispetto ai precedenti weekend di gara, per sua fortuna, l’inconveniente tecnico è stato risolto senza gravi conseguenze. Sebastian Vettel racconta così la sua seconda sessione di prove libere: “Abbiamo perso un po’ di tempo all’inizio con la bandiera rossa che non è stata l’ideale per noi, siamo dovuti rientrare un paio di volte per riprogrammare la macchina e poi uscire. Siamo riusciti a risolvere il problema e questa è una buona notizia, ma abbiamo perso un po’ di ritmo. Dopo non è andata male, la macchina mi ha dato buone sensazioni, ma possiamo migliorare l’assetto per domani, dovrebbe andare meglio con un buon bilanciamento”.

Sebastian Vettel crede che la sua Ferrari possa ancora migliorare tanto, un po’ in tutti i settori del tracciato di Budapest ed infatti afferma: “Non credo ci sia un settore particolare, settore 1, 2, 3 tutti devono essere migliorati. Non sono totalmente contento del bilanciamento e quello fa molta differenza, potremmo migliorare durante stanotte, sicuramente mi aspetto un bel miglioramento nei tre settori”. Il ferrarista ha percorso in tutto 53 giri, con un miglior crono di 1:21.348, a 913 millesimi da Nico Rosberg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button