2017Dichiarazioni dei PilotiGran Premio Spagna

Formula 1 | GP Spagna 2017, Fernando Alonso: “Il settimo posto non era un qualcosa di previsto, ma sono sorprendentemente felice!”

Topics

Dopo un venerdì da incubo, nessuno oggi si aspettava che Fernando Alonso potesse concludere le qualifiche in settima posizione, anzi, specialmente dopo aver visto Stoffel Vandoorne 19esimo, sembrava già un miracolo essere approdato in Q2. Invece, il due volte Campione del Mondo, nella sua Spagna zittisce e stupisce tutti, con un giro che lo porta davanti a Force India e Williams, una cosa impensabile, visti gli innumerevoli problemi accusati dalla McLaren, dall’inizio di questa stagione. Un miracolo in perfetto stile Alonso, che spera di ripetersi anche domani in gara.

Oggi sembra che tutto sia andato per il verso giusto, infatti Fernando Alonso ha dichiarato: “Oggi è uno di quei giorni in cui tutto è andato bene, tutto ha soddisfatto, anzi ha superato addirittura le aspettative. Sono decisamente felice, anzi sorprendentemente felice, specialmente per il modo in cui era iniziato il nostro weekend ieri. Questo è il nostro miglior risultato in qualifica in questa stagione. Il settimo posto non era un qualcosa di previsto o un qualcosa a cui stavamo pensando. I miglioramenti effettuati sulla monoposto hanno funzionato bene ed oggi mi sentivo fiducioso in macchina, nonostante le condizioni di vento complicate. Avevo bisogno che la fiducia fosse con me, per poter spingere al massimo ed ottenere quel paio di decimi in qualifica”.

Il Gran Premio di Spagna è il GP di casa dell’asturiano e giustamente è per lui un GP speciale, in cui il sostegno e l’entusiasmo del suo pubblico rende il tutto così magico, perciò Fernando Alonso ci tiene a far bene, anche se sa che non sarà semplice. A riguardo ha affermato: “Il sostegno che ricevo qui è sempre un qualcosa di magico e mi dà sempre una motivazione in più. Sono molto felice per la squadra, perché i ragazzi hanno lavorato davvero tanto, perciò essere in settima posizione domani, tra le vetture con le quali lotteremo per le migliori posizioni è una bella iniezione di fiducia per tutto il team. Ma dobbiamo rimanere con i piedi per terra, perché la gara è domani, ed è lì che si ottengono i punti. Dobbiamo cercare di mantenere questa posizione il più possibile, con una buona strategia e una buona partenza, cercando anche di sfruttare e cogliere qualsiasi eventuale occasione che si potrebbe presentare, visto che le vetture davanti a noi, battaglieranno molto tra loro”.

Topics
Pubblicità

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Altri articoli interessanti