2018Formula 1Gran Premio Italia

Formula 1 | GP Italia 2018, FP2: Vettel e Raikkonen dominano, pauroso incidente per Ericsson, illeso

Ferrari davanti a Mercedes in una sessione pomeridiana asciutta, dove Vettel è anche incappato in un piccolo incidente. Hamilton dista 2 decimi, mentre dal 5° posto di Verstappen i distacchi sono abissali

Topics

Doppietta Ferrari nelle FP2 del GP d’Italia, in una sessione molto più indicativa della prima caratterizzata dalla pioggia. Su asfalto asciutto e nuvole minacciose, ma senza che venisse a piovere, la SF71H si è confermata la vettura più performante, anche se la sessione non è stata immune da intoppi per Sebastian Vettel. Dopo avere segnato il tempo di riferimento, 1’21″105, rimasto imbattuto per il resto della sessione, il tedesco è finito contro le barriere della Parabolica mentre si stava migliorando, riuscendo poi a ripartire.

Vettel è poi tornato in pista negli attimi finali, provando la simulazione gara. Nella lista dei tempi, lo segue Kimi Raikkonen, in 1’21″375 segnato su mescola Supersoft come Vettel. Il finlandese ha preceduto di 17 millesimi Lewis Hamilton, che farà la danza della pioggia in vista delle qualifiche di domani. La prospettiva per domenica, però, parla di una gara asciutta, condizione dove la Ferrari appare come il riferimento.

Dopo Hamilton si colloca Bottas, mentre a partire dalle Red Bull, che occupano la terza fila virtuale (Verstappen 5° e Ricciardo, che domenica partirà ultimo, 6°) i distacchi cominciano a farsi pesanti, sull’ordine del secondo. L’olandese è infatti a 1″049 da Vettel, mentre Ricciardo a 1″191. Chiudono la top ten le ottime Force India, poi Leclerc su Sauber e Hulkenberg su Renault.

Da segnalare la disastrosa prestazione della McLaren, che occupa la casella 18 con Alonso e 19 con Vandoorne, mentre non ha segnato tempi Marcus Ericsson. Lo svedese è infatti incappato in un pauroso incidente alla Prima Variante, dovuto alla mancata chiusura del DRS in fase di frenata che ha fatto schizzare contro le barriere esterne la sua Sauber. La macchina di Ericsson ha piroettato diverse volte, ma per fortuna il pilota è uscito illeso.

Topics
Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.