2018DichiarazioniFormula 1Gran Premio Giappone

Formula 1 | GP Giappone 2018, Bottas: “La calma ci ha permesso di raggiungere questo risultato straordinario”

Prima fila per Valtteri Bottas nel Gran Premio del Giappone 2018: Hamilton si riprende la pole, ma la partenza dalla seconda casella non viene mai messa in dubbio

Bottino pieno per il team Mercedes nella qualifica del Gran Premio del Giappone 2018. Valtteri Bottas, nonostante un gap di tre decimi dal compagno di team, non ha avuto problemi ad ottenere un piazzamento in prima fila, ben davanti al primo inseguitore e capace di sfruttare, assieme a Lewis, il momento migliore della pista nella Q3.

“Prima di tutto voglio dire congratulazioni a Lewis – ha detto il piota finlandese – 80 pole position, è un gran numero e lui merita molto rispetto per questo. Le due vetture sono state così veloci oggi, come lo sono state per tutto il fine settimana ed è stato divertente guidare in qualifica.”

“Ho faticato molto nella FP3, la macchina non si sentiva affatto stabile e stavo faticando a trovare confidenza. In Qualifying è migliorato e in Q2 è stato abbastanza buono. Tutto è arrivato a un giro nel Q3, ho perso un po’ nel settore 2 e 3, ma mi sono divertito.”

“Tutti nel nostro team dovrebbero essere davvero orgogliosi di ciò che abbiamo raggiunto oggi, della vettura che abbiamo e di come ha funzionato la squadra oggi, ogni singola decisione era giusta, tutti erano calmi.”

“Potrebbe esser sembrata una sessione frenetica dall’esterno, ma all’interno del team tutto era molto calmo, abbiamo semplicemente aderito al nostro piano e fatto le giuste scelte che alla fine hanno prodotto questo risultato.”

Topics
Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close