Formula 1

Formula 1 e FIA firmano il programma di azione per il clima delle Nazioni Unite

Ancora una volta il circus mostra interesse verso una seria problematica mondiale

Un comunicato stampa ha annunciato che FIA e Formula 1 hanno sottoscritto un piano per il clima con le Nazioni Unite

Il Circus iridato si dimostra sensibile al tema del surriscaldamento ambientale e dell’inquinamento. La Formula 1 e la FIA hanno annunciato al programma d’azione Sports for Climate Change delle Nazioni Unite. “Iscrivendosi al framework, esprimiamo il nostro intento di attuare i principi sanciti dal Framework di azione per lo sport per il clima”, ha affermato la Formula 1 tramite un comunicato stampa.

“Lo sport si impegnerà a collaborare con i nostri coetanei e le parti interessate per sviluppare, attuare e migliorare il programma di azione per il clima nello sport.” La mossa segue la decisione dello sport dello scorso novembre di impegnarsi in un ambizioso piano di sostenibilità, che vorrebbe una Formula 1 a impatto zero sul carbonio entro il 2030 e che dovrebbe coprire auto, gare e fuoristrada.

“Siamo lieti di unirci agli sforzi delle Nazioni Unite in questo settore. Lavoreremo a stretto contatto con la FIA, i team e i partner per assicurarci di realizzare i nostri piani e attuare cambiamenti significativi”, ha affermato Chase Carey, presidente e CEO della Formula 1. “L’anno scorso la Formula 1 ha lanciato il suo primo piano di sostenibilità, riconoscendo l’importante ruolo che dobbiamo svolgere nella lotta ai cambiamenti climatici”, ha aggiunto. “Le azioni che intraprenderemo negli anni a venire ridurranno la nostra impronta di carbonio e garantiranno la riduzione dell’impatto su di esso entro il 2030.”

Il Framework richiede ai firmatari di impegnarsi in cinque obiettivi, in particolare:
1 Intraprendere sforzi sistematici per promuovere una maggiore responsabilità ambientale;
2 Ridurre l’impatto climatico complessivo;
3 Educare all’azione per il clima;
4 Promuovere un consumo sostenibile e responsabile;
5 Sostenere l’azione per il clima attraverso la comunicazione.

La decisione di iscriversi al Framework è stata approvato da Jean Todt, presidente della FIA che è l’organo di governo della Formula 1. “La firma di questo quadro d’azione per lo sport per il clima delle Nazioni Unite rafforza lo slancio che è cresciuto nella nostra Federazione da molti anni”, ha affermato Todt.Miriamo a ispirare una maggiore consapevolezza e le migliori pratiche negli standard di sostenibilità per tutti gli sport motoristici”.

“Come federazione internazionale composta da 244 membri in 140 paesi e leader nello sviluppo di sport motoristici, siamo totalmente impegnati nella protezione dell’ ambientale globale. Dall’introduzione della centralina ibrida in F1 alla creazione della Commissione Ambiente e Sostenibilità, l’intera comunità della FIA ha investito tempo, energia e risorse finanziarie a vantaggio delle innovazioni ambientali”.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button