Gran Premio Ungheria

Formula 1 | Dominio Mercedes nel diluvio ungherese

Prima fila tutta d’argento all e Ferrari beffata dopo aver dominato le ultime sessioni di prove libere.

Pole position numero 77 in carriera per un favoloso Lewis Hamilton; in condizioni di bagnato il pilota britannico è di certo uno dei più forti della storia di questo sport e l’ha dimostrato quest’oggi per l’ennesima volta con un giro capolavoro in 1:35.658. A completare la prima fila tutta Mercedes in seconda posizione c’è un ottimo Valtteri Bottas, con due decimi e mezzo di ritardo dal compagno di squadra.

Delusione invece per quanto riguarda la Ferrari (entrambe le monoposto staccate di mezzo secondo dal poleman), che dopo aver dominato sull’asciutto le ultime due sessioni di prove libere si è trovata costretta a battagliare per la Pole nel diluvio di Mogyoród. Un po’ a sorpresa è Kimi Raikkonen a precedere Vettel, che a dire la verità sembra non aver smaltito ancora del tutto le scorie di Hockenheim.

Quinto posto per un grandissimo Carlos Sainz che questa volta ha risposto in maniera decisa a Niko Hulkemberg incapace di qualificarsi alla Q3.

Da sottolineare la grande prova della Toro Rosso (sesta posizione per Gasly ed ottava per Hartley) che è stata la vera sorpresa positiva della giornata.

Disastro totale invece in casa Red Bull: un Max Verstappen molto sotto le aspettative chiude solamente in settima casella mentre Daniel Ricciardo, che da qualche tempo pare essere l’immagine sfocata del pilota che ci faceva divertire durante le prime gare, addirittura termina dodicesimo con evidente complicità del team che sbaglia il momento in cui farlo rientrare in pista.

Male anche Leclerc che non supera neanche il primo taglio, a differenza di un buon Marcus Ericcson sull’acqua.

[msr_session(‘F1’, ‘2018’, ‘HUN’, ‘Qualifiche’)]

Topics
Pubblicità

Giovanni Squame

Ho 23 anni, laureato in ingegneria meccanica e appassionato sin da piccolo di F1. Sono nato con le imprese di Schumi e della Rossa. Entrare a far parte di questo mondo è sempre stato un mio sogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close