2018

Formula 1 | Boullier:” La MCL33 non è come volevamo”

Il team principal della Mclaren, Boullier, è rimasto insoddisfatto dalle prestazioni ottenute dalle due monoposto, specialmente dopo le previsioni di inizio stagione.

Topics

Il 2018 doveva essere l’anno del riscatto della McLaren e per Eric Boullier, poiché sarebbe stato il primo anno senza più i motori Honda e avrebbero potuto finalmente dimostrare la bontà del progetto con un motore più performante. Il team inglese, infatti, durante tutta la partnership col fornitore motoristico giapponese, dichiarava che tutti i problemi derivassero dalla cattiva power unit, poiché l’aerodinamica  e la macchina erano molto buone.

Così il team inglese da questa stagione è fornita dai motori Renault, gli stessi della Red Bull. Durante i test di Barcellona di inizio anno, Alonso aveva dichiarato di essere pronto a lottare per le posizioni che contano, creando così tanto entusiasmo tra i fans del team e i suoi fans.

“Siamo pronti per l’Australia, speriamo di accumulare più giri nei prossimi giorni, ma più per divertimento che per la prestazione. Sarò in macchina, guiderò, speriamo di continuare a scoprire cose nuove, ma se in Australia si corresse domani sarebbe ok”.

Rispetto alla disastrosa stagione passata, la McLaren ha ottenuto risultati migliori, ma non quelli che si aspettavano ad inizio stagione. Alonso, come risultato migliore in gara, ha ottenuto un quinto posto in Australia; mentre nella classifica costruttori il team inglese è quinto, ma è il peggiore tra i team motorizzati Renault.

Nonostante il cambiamento del fornitore del motore, McLaren sta avendo ancora diversi problemi di affidabilità (esempio il ritiro di Alonso a Monaco per problemi al cambio). Questo potrebbe far intuire come il problema della McLaren non fosse solamente il motore Honda, ma anche il progetto del team stesso.

Eric Boullier , però, rimane ottimista sugli obiettivi stagionali del team, dichiarando che nel corso della stagione arrivando dei miglioramenti per entrambe le monoposto.

“Prima di tutto, non abbiamo un solo designer e abbiamo piena fiducia nel team McLaren. Possiamo trovare alcuni altri problemi in auto e sicuramente penso che l’auto che abbiamo quest’anno non era quella che ci aspettavamo di avere. Si tratta solo di capire perché le cose stanno succedendo e di essere sicuri di avere la giusta visione per il futuro, consapevoli di poter progettare e costruire auto competitive e all’altezza del compito. Ho fiducia nelle persone che abbiamo a lavorare in questo momento, perché c’è un sacco di talento all’interno della McLaren,”

 

Topics
Pubblicità

Nicoletta Floris

Studentessa di economia appassionata al mondo del motorsport (specialmente Formula 1 e MotoGP). Blogger della pagina Instagram laragazzadelmotorsport.

Altri articoli interessanti

Back to top button