Spy-Story 2.0 sprofonda, Mercedes: «Ferrari pulita, affare solo tra noi e Hoyle»

Mercedes e Ferrari sotto i riflettori e nell’occhio del ciclone dopo la presunta spy-story 2.0, emersa la scorsa settimana con la denuncia da parte del team di Stoccarda nei confronti del proprio ingegnere Ben Hoyle che nel suo passaggio in Ferrari avrebbe tentato di portare con sè dati sensibili circa il motore nel Gran Premio d’Ungheria della stagione da poco conclusa. Il trasferimento in Ferrari di Hoyle è stato prontamente bloccato e l’investigazione continua, tuttavia pare che il danno non sia troppo consistente. Infatti, oltre alle difese pronunciate dal team di Maranello, Mercedes ha voluto in qualche modo scagionare la squadra avversaria in un comunicato ufficiale.

La Ferrari ha reso noto che l‘assunzione di Hoyle a partire dal 2016 non era certa, sostenendo che con l’ingegnere inglese non fosse mai stato raggiunto un accordo ufficiale. Pertanto, stando alle dichiarazioni della Scuderia di Maranello, le notizie che davano l’ingegnere per l’ormai nuovo capo motorista erano il mero frutto di discussioni informali tra il team e Hoyle gonfiate e spacciate per informazioni ufficiali. A concentrare la colpa solo sull’ingegnere ci pensa la Mercedes mediante un comunicato. «L’investigazione –recita– non ha mostrato alcun motivo per cui credere che siano stati trasmessi dei dati in Ferrari e i documenti presentati dalla corte non hanno rivelato alcuna condotta inappropriata da parte della Ferrari. Mercedes continuerà a proteggere i propri interessi, compresa la continuazione delle procedure legali contro Mr Hoyle e continuerà a proteggere da potenziali inappropriate diffusioni di informazioni sensibili all’interno del motorsport». 

Riguardo il processo, Mercedes ha previsto che l’investigazione possa continuare per un periodo compreso tra i 2 e i 4 mesi. Pertanto così, dopo una sola settimana dalla scoperta del suo focolaio, la gestazione mediatica di un’altra spy-story finisce, testimoniando che in Formula 1 nessuna situazione è uguale ad un’altra.

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.