DichiarazioniGran Premio Russia

F1,il pilota spagnolo Fernando Alonso punta alla Q3!

Dopo aver concluso la seconda sessione di prove libere al decimo posto, il pilota spagnolo Fernando Alonso spera di entrare nuovamente nella top ten anche domani in qualifica, nonostante la MP4-31 il venerdì spesso compare nella top ten, ma poi il sabato si è dovuta accontentare di posizioni ben più basse. Il pilota spagnolo però crede nella Q3 ed afferma: “Due macchine nei primi dieci è una buona notizia per noi. Non siamo andati male, però tuttavia possiamo ancora guadagnare qualche decimo perchè non siamo del tutto contenti dei comportamento della vettura, in particolare del bilanciamento in alcune curve”.

Pur rimanendo consapevole che la McLaren in questa stagione è soggetta dal venerdì al sabato ad un calo in classifica ha affermato: “Abbiamo margine per migliorarci, il venerdì solitamente tendiamo a essere più in alto in classifica del normale, e il sabato poi perdiamo alcune posizioni. Spero che domani si inverta questa tendenza e che riusciremo a rimanere in queste posizioni”.

Per una buona qualifica Fernando Alonso ha poi analizzato il fattore da tenere d’occhio: “La chiave sarà avere gli pneumatici in una temperatura perfetta nel giro decisivo. Sarà importante fare dei giri di riscaldamento ottimali. Entrare con almeno una delle due macchine in Q3 sarebbe un’ottima notizia per noi e penso davvero che possiamo farcela”.

Inoltre il pilota spagnolo ha svelato inaspettatamente di aver accusato nuovamente degli indolenzimenti fisici“Devo ammettere di avere ancora dei dolori in macchina, dopo gli allenamenti fatti in questi giorni non ho avuto alcuna complicazione, ma una volta salito sulla monoposto ho avuto un po’ di dolore al collo. È possibile che il corpo abbiamo avuto una sorta di memoria sentendo i primi cordoli e per questo ho avvertito dolore”. Infine ha affermato la sua opinione, sul parabrezza montato sulla Red Bull di Daniel Ricciardo: “Esteticamente come sistema è più bello degli altri, bisogna però valutarne l’affidabilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio