Formula 1

Distanziamento obbligatorio anche per i commissari

Le linee guida per la ripresa del Mondiale sono chiare e impongono norme specifiche anche per chi lavora a bordo pista

Distanziamento sociale e assegnazione individuale dei kit di protezione: anche per i marshall pronte varie direttive anti-Covid da rispettare

L’epidemia di Covid 19 ci ha regalato una Formula 1 con svariate novità, a tratti inedite. Dal calendario ipercondensato, ai doppi GP sugli stessi circuiti, dalle porte chiuse, al paddock senza hospitality e cosi via. E in questo scenario nuovo, rientrano anche le postazioni dei commissari di pista, che da questa stagione cambieranno, proprio per garantire il rispetto del distanziamento sociale.

Luca De Angelis, ingegnere della EM Motosport, fornitore ufficiale dei pannelli luminosi disseminati lungo i tracciati del Circus, ha spiegato che le nuove postazioni comunque garantiranno una visibilità ottimale. I pannelli infatti, potranno essere attivati anche senza essere a contatto con le barriere. “E’ sempre una sfida, ma quest’anno sarà ancora più impegnativa. A partire dall’uso delle mascherine e guanti a tutta l’igenizzazione. Senza dimenticare che bisogna evitare il contatto diretto con le persone” ha affermato il tecnico della EM Motorsport.

“In Austria ci sono 15/16 postazioni, dunque 15/16 commissari che si occuppano di questi pannelli. Dobbiamo assicurarci che ognuno di loro sia in grado di sedersi in un posto lontano dagli altri e dalle altre persone che lavorano in pista, rimanendo comunque in una posizione sicura e confortevole, che gli consenta di vedere tutto ciò che accade nel tratto di pista di propria competenza”.

“Questi commissari potranno essere posizionati fino a 400-500 metri di distanza dai pannelli di segnalazione, azionandoli mantenendo sempre la distanza sociale e senza interazione con gli altri commissari. E’ un po’ triste dirlo, ma è pensato per il loro bene e perché possano essere in grado di fare il loro lavoro come sempre e senza rischi”.

Ad ogni modo il numero generale di commissari sarà ridotto al minimo, garantendo comunque le condizioni di sicurezza. C’è una guida specifica anche per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuale e le modalità di assegnazione dei kit dei commissari. Caschi, radio, cuffie, telefoni cellulari, bandiere, attrezzature per la riparazione delle barriere e veicoli di recupero, dovranno infatti, avere un uso esclusivo per l’intera durata dell’evento.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button