DichiarazioniFormula 1

Coronavirus, Masi: “Nessuno è invincibile”

Le prime tre gare non hanno registrato particolari problemi, ma questa non deve essere una motivazione per abbassare il livello di guardia

Personale dei team drasticamente ridotto, tribune vuote e mascherine obbligatorie: questi sono alcuni degli obblighi della Formula Uno in tempi di Coronavirus

Lo scenario sembra quasi quello di una guerra, con gli spalti desolati e i piloti protagonisti di eventi prettamente ‘televisivi’, poiché non fruibili dal pubblico in loco.  Sarà questo il trend anche delle prossime gare, con la minaccia data dal Covid-19 sempre presente e il livello d’allerta alto. A maggior ragione ora che il Circus approda in Gran Bretagna, uno dei Paesi maggiormente restrittivi in termini di entrate e uscite, dove sono programmate ben due corse, una denominata GP di Gran Bretagna come di consueto, l’altro GP del 70esimo anniversario per celebrare i 70 anni dalla prima corsa di Formula Uno nel 1950.

Michael Masi ha tracciato il bilancio della situazione in tempi di pandemia, lodando il lavoro collettivo: “Possiamo dirci soddisfatti. Siamo riusciti a stilare un calendario in un periodo difficile e le prime tre corse sono andate benissimo, senza intoppi. Tengo dunque a ringraziare tutti per la collaborazione reciproca”. Un piccolo problema, in realtà, c’era stato alla vigilia dell’Ungheria, quando due membri del personale erano stati trovati positivi al Covid-19 (entrambi non erano presenti nel doppio appuntamento in Austria). Ma questo non ha impedito il proseguimento del weekend in terra magiara.

“Certamente le prime tre corse sono andate bene – ha proseguito Masi – se escludiamo i due casi di positività, che però erano esterni al paddock. Da un lato potrebbe esserci la tentazione di abbassare il livello di guardia, ma non è così. Nessuno è invincibile e, andando verso Silverstone, continueremo ad attenerci ai protocolli per la sicurezza. Ho paura che qualcuno abbassi la guardia, per questo chiedo invece di rimanere sulla linea che abbiamo deciso di tenere, ossia quella della massima attenzione”

Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.