Formula 1Test Barcellona

Barcellona, nessuna copertura televisiva per i primi test del 2022

I test pre-campionato in Spagna non avranno copertura televisiva a differenza di quelli del Bahrain, seguiti dalle TV

ANCHE SE STIAMO VIVENDO UNO DEI CAMPIONATI DAL RISULTATO PIÙ INCERTO DEGLI ULTIMI ANNI, È IMPOSSIBILE NON INIZIARE A PENSARE AL 2022.

Bisognerà aspettare più tempo per vedere in azione le monoposto che si daranno lotta il prossimo anno. I test pre-campionato che si disputeranno sul circuito di Barcellona dal 23 al 25 febbraio non ci sarà alcuna copertura televisiva, a differenza della sessione che si terrà in Bahrain, dall’11 al 13 marzo, che invece sarà aperta alle emittenti.

Questo è il piano strategico deciso da Liberty Media in previsione delle due sessioni di test invernali. Un netto cambio di tendenza rispetto a quanto visto nelle ultime stagioni. La Formula 1, infatti, si era aperta al pubblico e nel 2021 aveva preso la decisione di iniziare a trasmettere in televisione proprio i test pre-campionato, inacessibili in altro modo se non per i presenti sulle tribune.

CAMBIO DI ROTTA PER AUMENTARE LA CURIOSITÀ?

Secondo i colleghi di Auto Motor und Sport, questo provvedimento sarebbe stato preso non solo per generare la maggiore curiosità nel pubblico, ma soprattutto per catalizzare l’attenzione sulle nuove vetture che scenderanno in pista a partire dalla stagione 2022, tanto che proprio in occasione dei test in Bahrain è già prevista una macro presentazione del nuovo corso di Formula 1.
Proprio per aumentare l’attesa, Liberty Media avrebbe intenzione di limitare ai massimi livelli la circolazione di immagini e video provenienti dalla tre giorni di test sul circuito di Barcellona, dove in ogni caso non è assolutamente scontato che i team possano decidere di svelare i propri tris d’assi in Spagna.

TUTTA QUESTIONE DI SOLDI?

Una scelta strategica che creerà non pochi problemi anche alla carta stampata e alle testate online che saranno presenti a Barcellona per seguire la sessione di test invernali.
Era già avvenuto per il campionato 2021, quando gli organizzatori della corsa in Bahrain si sono trovato a versare cifre economiche non indifferenti per ospitare la prima gara della stagione. E la stessa cosa è avvenuta anche per i test invernali del 2022, imponendo al tracciato catalano complicate e lunghe trattative con Liberty Media.

Tra le due sessioni di test invernali trascorreranno due settimane. In questo periodo i team avranno modo di pensare e introdurre novità sulle proprio monoposto. Ma se tutto venisse già palesato a Barcellona, si renderebbe inutile lo sforzo economico del Bahrain.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.