DichiarazioniFormula 1

Alonso riuscirà a godersi i successi dell’Alpine?

Laurent Rossi ha recentemente dichiarato che bisognerà aspettare il 2024 perchè l’Alpine possa lottare frequentemente per podi e vittorie. Farà in tempo Alonso a goderseli?

Per vedere una Alpine competitiva bisognerà aspettare ancora qualche anno. Considerando che Alonso non è esattamente un ragazzino, riuscirà a godere dei miglioramenti del team?

Nel Gran Premio d’Ungheria la Alpine è tornata al successo, tredici anni dopo l’ultima volta: era il 2008, sul circuito del Fuji in Giappone, il team si chiamava ancora Renault, ma la base operativa era la stessa. Da allora sono cambiate svariate cose. La squadra ha più volte cambiato nome, Renault, Lotus, poi di nuovo Renault ed infine Alpine. E in tutto ciò il processo di crescita è stato lungo e travagliato e solo ora sembra dare i primi frutti.

Laurent Rossi, amministratore delegato del team, però, vuole tenere un basso profilo, specificando che il successo vero, non arriverà prima del 2024. E a quel punto la domanda che sorge spontanea nella testa di qualunque appassionato è: riuscirà Fernando Alonso a godersi un eventuale ritorno in auge della sua squadra? E’ vero che già l’anno prossimo grazie al cambio regolamentare ci saranno delle novità gerarchiche in griglia, ma come ricorda Ross Brawn, non cambierà tutto dall’oggi al domani.

E’ chiaro che tutti ovviamente stanno lavorando per farsi trovare pronti ai nastri di partenza del 2022. Il cambio di regolamenti è stato uno dei motivi che ha spinto Fernando Alonso a tornare in pista dopo due anni di assenza. Lo spagnolo è tornato senza garanzie di successo, ma con una ferma convinzione nel progetto. Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che Fernando possa raccogliere il successo che Alpine spera di raggiungere in futuro.

Prima di tutto, non ci sono garanzie che la Alpine applicherà il nuovo regolamento nel modo giusto. Inoltre, ammesso pure che ad Enstone progettino una buona macchina, non si sa con assoluta certezza fino a quale anno Fernando rimarrà in Formula 1. “L’obiettivo è raggiungere un livello di competitività che ci porti sul podio il maggior numero di volte possibile nel 2024″, ha dichiarato Laurent Rossi, pochi giorni fa su il portale web della Formula 1.

ETÀ NON UN FATTORE DECISIVO

Se il successo arrivasse nel 2024, Fernando dovrebbe rimanere nel giro altri due anni per goderselo. Rientrerà nei suoi piani? In linea di principio si. In un’intervista al quotidiano spagnolo As, lo scorso giugno, ha assicurato che la sua intenzione è quella di restare fino al 2024, fino a quando non avrà superato i 42 anni.

“Nel motorsport non conta tanto dall’età. Un esempio: un pilota Mercedes ha 36 anni, un pilota Haas poco più di 20. Vince il pilota Mercedes, l’altro è spesso ultimo. L’importante è che essere in forma e motivato e io lo sono”, ha recentemente confessato Fernando in un’intervista ai tedeschi di F1 Insider. “Dopo i due anni di riposo, ho una rinnovata energia. A fine 2018 avevo le batterie abbastanza scariche, mi sentivo esausto. Mi sono fermato anche perché non provavo più nessuna vera gioia, a differenza di oggi”, ha chiuso l’asturiano.

 

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.