Al vaglio della FIA un nuovo flussometro con minore margine di errore

Il flussometro, gioia e dolore di questa Formula 1. Un oggetto sconosciuto ai più, salito agli onori della cronaca in occasione del Gran Premio d’Australia per lo strascico di polemiche che si è portato appresso a causa della squalifica dalla gara di Daniel Ricciardo che, secondo l’accusa, ne montava uno non omologato dalla Federazione e fatto dalla Red Bull. Poi non se n’è più parlato, fino ad oggi. La Fia avrebbe incaricato la SentronicsTM Limited di progettare e creare un nuovo flussometro, da introdurre nel prossimo campionato del mondo 2015, che sia più leggero ed economico per le scuderie.  La Sentronics è un’associazione composta dalla fusione di tre imprese britanniche, la Reventec, la Mikina Engineering e la Polyhedrus Electronics con l’aggiunta del gruppo statunitense Hyspeed LLC. Proprio quest’ultima ha sviluppato il concetto di impiegare un sensore di flusso a ultrasuoni negli sport a motore con lo scopo di limitare il consumo di benzina tanto che nel 2009 iniziò a collaborare con la Gill Sensors a tal proposito.

Neville Meech, presidente della Sentronics, per ben tredici anni ha lavorato a capo del dipartimento di ingegneria della Gill Sensors, l’azienda che ha prodotto gli attuali flussometri in Formula 1. «Sono stato contattato per avviare il nuovo progetto e intendiamo approcciare questa nuova sfida in maniera innovativa. Il nostro obiettivo è quello alla creazione di un flussometro a ultrasuoni, capace di venire incontro non solo alle esigenze dei team ma anche che rappresenti il miglior metodo per misurare il flusso di carburante in una macchina – ha specificato il presidente della società – Sarà un flussometro di seconda generazione, un’unità con minore margine di errore».

Il flussometro porterà il nome di Flowsonic e peserà circa 250 grammi, la metà di quello permesso dalla Federazione, e sarà utilizzato non solamente in Formula 1 ma anche nel campionato WEC, dove prenderà il posto di quello utilizzato attualmente.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.