DichiarazioniFormula 1

Verstappen: “La Red Bull è il posto giusto”

L’olandese crede di poter trarre un grosso vantaggio mettendo sotto pressione i rivali della Mercedes

Il 2020 è l’ultima stagione in cui Max Verstappen potrà sperare di abbattere il record di campione del mondo più giovane della storia appartenente a Sebastian Vettel.

Che Max Verstappen sia uno dei piloti più aggressivi, motivati e veloci di questa generazione, lo si era capito sin dal giorno del suo debutto. Il figlio d’arte, è intenzionato a diventare campione del mondo il prima possibile e a qualsiasi costo, anche a rinunciare al posto nella scuderia che lo ha lanciato nel mondo della Formula 1. I dubbi sulla competitività della Red Bull, infatti, avevano spinto l’olandese a guardarsi intorno e a entrare nell’orbita di Mercedes e Ferrari. Le ombre sul suo futuro, però, si sono dissipate alcune settimane fa, quando la scuderia guidata da Chris Horner ha annunciato il suo rinnovo fino al 2023.

A pochi giorni dall’inizio dei test pre-stagionali che si terranno a Barcellona, Verstappen ha voluto spiegare la decisione di continuare con la Red Bull Racing. “Non ci sono punti interrogativi, per me la Red Bull Racing è il posto giusto in cui stare. Mi sento davvero bene in questa squadra, ci sono brave persone qui e vedo anche la motivazione e la fame di lottare per la vittoria e per il campionato”, ha affermato a crash.net.

IL SEGRETO PER LIQUIDARE UNA CORAZZATA INVINCIBILE

Il primo pilota della scuderia austriaca, è convinto di poter superare i suoi avversari pressandoli dalle spalle. “In Formula 1, tutto dipende molto dalla monoposto. Ma quando riesci a premere il pilota davanti , diventa tutto molto più difficile per lui. Non vedo l’ora di trovarmi in quella situazione”.

Max Verstappen dunque, vorrebbe ritrovarsi in situazioni simili  a quelle vissute nell’ultima stagione ad Hockenheim e a Interlagos, dove è riuscito a vincere due gare pazzesche. “Quando tutti siamo vicini in situazioni di pressione, come successo in Germania o Brasile, allora la squadra si distingue davvero rispetto alle altre. Sono ansioso di ritrovarmi vicino agli altri e di combattere. Se ci riusciamo, allora sono abbastanza sicuro di poter vincere“.

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.