DichiarazioniFormula 1

Vedremo ancora un Alonso campione?

De la Rosa sottolinea le potenzialità del già due volte campione, puntando al terzo titolo

Fernando Alonso sta affrontando quest’anno la sua ventesima stagione da pilota di Formula 1 e, nonostante sia il pilota più anziano in griglia, mantiene un altissimo livello

Pedro Martínez De la Rosa sostiene che l’asturiano è stato in grado di mantenere la stessa mentalità e motivazioni per tutta la sua carriera e che, sottolinea, ottenere un terzo titolo sarebbe il miglior risultato per la sua carriera sportiva. Ma Alonso potrebbe tornare campione?

Alonso ha debuttato quest’anno come pilota Aston Martin e ha già ottenuto due podi nelle prime due gare, infatti, è uno dei suoi migliori inizi di stagione in Formula 1. Per De la Rosa, che conosce da vicino l’asturiano e attualmente è un ambasciatore dell’Aston Martin, questo è dovuto, tra l’altro, alla capacità di Alonso di gestire situazioni complicate.

“La gente non sa chi sia il vero Fernando. Lo vedono estremamente impegnato e concentrato, ma ciò che non vede, ciò di cui non si rende conto è quanto sia felice. Ha un grande senso dell’umorismo e non si prende troppo sul serio, è uno dei suoi punti di forza, non sente la pressione, ha detto De la Rosa.

Fernando Alonso e la sanzione di Jeddah: “È stato un pasticcio così grande che mi ha fatto ridere”

Il Gran Premio dell’Arabia Saudita ha visto il controverso ritiro e il successivo ritorno del podio a Fernando Alonso. Lo spagnolo sostiene che si tratti di una grave mancanza della FIA e sottolinea che la cosa normale era che, se quella terza posizione corrispondeva a George Russell, a salire sul podio fosse il britannico.

“Quando gli altri piloti sono nervosi per quello che verrà, Fernando non lo è. Sarai con lui pochi istanti prima che stia per correre e lui sorriderà, riderà e scherzerà. È come un bambino che sta per andare al parco con i suoi compagni di squadra per giocare a calcio, non penseresti che stia per guidare un’auto di F1”, ha detto De la Rosa.
“Rimane rilassato e questo è in parte il motivo per cui, dopo tutti questi anni, può ancora competere ad un livello così alto”, ha aggiunto.

Oltre al suo talento naturale, De la Rosa sottolinea che anche la capacità dell’asturiano di adattarsi a qualsiasi macchina o situazione

“Il suo talento naturale è folle ed è abbinato a determinazione e impegno feroce. Ma è la sua adattabilità che lo distingue. Qualunque cosa gli lanci, le condizioni delle gomme, la natura della pista, sarà presto al limite”, ha spiegato l’ex pilota.

“Ci sono tanti campioni del mondo che perdono il loro vantaggio quando non hanno più una macchina competitiva. Fernando non è così. Ha mantenuto il suo livello e la sua motivazione. Avendo conquistato tanti podi in F1 quanti ne ha e continuando con la stessa fame di quando ha iniziato, nonostante non abbia avuto un’auto competitiva per così tanti anni, è qualcosa che ammiro molto di lui”.

L’ambasciatore dell’Aston Martin sostiene che Alonso potrebbe puntare ad un terzo titolo per riottenere il titolo di campione ma è impensabile questo anno.
Sarebbe un sogno che si avvera vedere Fernando incoronarsi nuovamente campione del mondo. Se lo merita. Qualunque cosa tu faccia nella vita, se dai il massimo, prima o poi sarai premiato, e Fernando ha dato il massimo per decenni” , ha commentato De la Rosa.

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio