2019Formula 1

Schumacher trasferito a Parigi per cure top secret

Questo è quanto scritto dall’edizione online de Le Parisien

Topics

Intanto nessun comunicato giunge dalla famiglia dell’ex pilota Ferrari e Mercedes

Stando a quanto riportato da Le Parisien, il sette volte campione del mondo Michael Schumacher è arrivato all’ospedale Pompidou di Parigi alle 15.40 per delle cure al momento top secret che verranno seguite dal professore Saillant, ortopedico e suo amico fidato. Il tedesco durante il trasferimento è stato coperto da una struttura mobile blu per non mostrarne il fisico e il viso.

Il trattamento potrebbe essere a base di cellule staminali e Schumi verrà seguito durante le cure dal luminare in chirurgia cardiaca Philippe Menasché. Lo stesso dottore è un pioniere della terapia cellulare nella cura dell’insufficienza cardiaca (da quanto si legge da La Gazzetta dello Sport).

Riportiamo uno stralcio dell’articolo pubblicato dall’edizione online del quotidiano francese.

Secondo le nostre informazioni, l’ex pilota sta beneficiando di infusioni di cellule staminali per ottenere un’azione antinfiammatoria sistemica, vale a dire in tutto il corpo. Il trattamento dovrebbe iniziare martedì mattina, il paziente dovrebbe lasciare l’ospedale mercoledì. Secondo fonti concordanti, Michael Schumacher avrebbe effettuato già due visite all’ospedale la scorsa primavera. Durante il suo primo soggiorno, il paziente è stato oggetto di esami medici in un altro nosocomio universitario. Alla fine di luglio l’ex pilota sarebbe dovuto tornare per una nuova sessione, ma un imprevisto problema di salute glielo ha impedito. Il trattamento è stato dunque posticipato all’inizio di questa settimana“.

Topics
Pubblicità

Christian Caramia

Mi chiamo Christian e ho 27 anni, vivo a Martina Franca (Taranto). Appassionato fin da piccolo di Formula 1, da bambino i miei idoli erano Ayrton Senna e Jean Alesi. Sono cresciuto prima con Michael Schumacher e poi con Kimi Raikkonen. Grazie a loro sono qui a scrivere di questo magnifico sport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button