DichiarazioniFormula 1

Russell: “Hamilton è il capitano della squadra”

Il giovane britannico si esprime riguardo il rapporto che ha con il suo compagno di squadra sette volte Campione del Mondo

George Russell e Lewis Hamilton: una coppia d’oro per Mercedes, tra la differenza d’età ed il rispetto

 

L’inizio stagione di Mercedes è stato insolito: monoposto non performante al massimo, porpoising e una coppia inedita al volante, George Russell e Lewis Hamilton. Da un lato, abbiamo i 24 anni del giovane George, la sua vivacità alla guida e la sua tenacia. Dall’altro abbiamo l’esperienza di un campione di 37 anni, sette mondiali piloti conquistati e la grinta di un ormai veterano della Formula 1. In luogo a questa profonda differenza tra i due, Russell parla del suo compagno di squadra, definendolo come il capitano del team, in quanto più esperto.

A Sky Sport F1, ha affermato Russell: “Io ho 24 anni e sono contro il più grande di tutti i tempi. Se Lewis finisse davanti a me nel mondiale ovviamente non mi piacerebbe, ma non ho assolutamente intenzione di disperarmi per questo, piangere o tenere il broncio. Allo stesso modo, Lewis ha ottenuto così tanto: è un sette volte Campione del Mondo, detiene record. Penso che io ed Hamilton siamo in diverse fasi della nostra carriera, non ci sono rancori in nessun caso”. 

A volte si percepisce quando hai due piloti che sono nella stessa fase della loro carriera, entrambi in lotta per la stessa posizione. Non c’è il numero uno o il numero due alla Mercedes. Nella testa di tutti i piloti si lotta per quel punto in più, per essere il leader, tutti che si dicono tra sé e sé “Voglio essere quello giusto“. Mentre da entrambi, sia per me che per Lewis non c’è questa situazione”, prosegue Russell. 

Hamilton capitano

Successivamente, il giovane George ha proseguito affermando che Hamilton, con tutti i suoi successi, è a tutti gli effetti il capitano del team Mercedes: “Lewis è qui da così tanto tempo e io sono solo il nuovo ragazzo della squadra. Non andrò là fuori cercando di essere il leader della squadra, quando mi trovo ad affrontare il più grande di tutti i tempi che è qui da 10 anni. Hamilton è il capitano della squadra ed è così che dovrebbe essere“.

Io e Lewis dobbiamo dare il buon esempio, evitando sfide inutili per la quarta e quinta posizione. Non c’è rancore sul piazzamento ottenuto. È importante avere una visione d’insieme, visto che al momento non serve concentrarci solo su noi stessi. Questo atteggiamento non aiuterebbe la squadra”, ha affermato Russell alla stampa inglese per concludere. 

Un commento

  1. Russell: Lewis è il capitano!!!
    Poi fra se e se pensa: “ma io sono il colonnello” !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.