DichiarazioniFormula 1

Red Bull sfida Mercedes con il nuovo motore

La scuderia austriaca spera di poter finalmente battagliare con i campioni in carica dopo l’introduzione di una serie di novità da parte di Honda

A pochi giorni dall’inizio della stagione 2020, il Team Principal Red Bull, Chris Horner, ha parlato delle novità in casa Honda. La scuderia austriaca potrà infatti contare su un motore potenziato grazie ad alcuni aggiornamenti già presenti questo fine settimana

Il Mondiale sta per ripartire e, con questo, anche le storiche rivalità in pista. L’avversario da battere è ancora la Mercedes, vincitrice indiscussa degli ultimi 6 titoli iridati costruttori. Ci si chiede quindi se siano ancora loro a  spiccare sugli avversari, anche in questa annata così particolare. Quel che è certo è che le altre squadre non resteranno a guardare. La Red Bull sembrerebbe infatti intenzionata a mettere il bastone tra le ruote al marchio anglo-tedesco, aggiungendo un po’ di pepe a una sfida mondiale che, se non fosse per gli ultimi due anni con i loro seppur limitati colpi di scena, rischiava un po’ di cadere nell’ovvietà.
Chris Horner, TP Red Bull, ha anticipato che sulla monoposto verrà montata la seconda versione originale della Power Unit progettata per il GP d’Australia. Con quest’arma spera quindi di impensierire Hamilton e Bottas.

HORNER: “E’ STATA UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Si è trattato di una vera e propria sfida, ma la Red Bull sembra pronta a cominciare: “Abbiamo un aggiornamento del motore. Introduciamo essenzialmente quello che sarebbe stato il motore numero due, che così diventa il numero uno” – ha dichiarato Horner – “Quindi in tutti gli aspetti della macchina c’è stato un sacco di lavoro da fare, ed è stata una corsa contro il tempo per ottenere quegli aggiornamenti da quando ha riaperto la fabbrica a inizio giugno“.

Come riporta motorsport.com, la Red Bull ha rivelato alcune delle modifiche apportate alla monoposto durante il giorno delle riprese di Silverstone la scorsa settimana: “Non sappiamo come saremmo arrivati in Austria e, ovviamente, come l’auto sarebbe stata sviluppata” – ha spiegato – “Ci sarebbero stati aggiornamenti alle prime gare europee a Zandvoort e Barcellona, ​​e ce ne sarebbero stati  di ulteriori a Montreal“.
Horner ha parlato di una vettura che ha subito tanti piccoli aggiornamenti durante e dopo lo stop forzato: “Naturalmente, tutti gli aggiornamenti che erano in cantiere prima dell’interruzione, più tutto ciò che abbiamo appreso dopo, sono stati implementati per l’auto. Ci sono piccole revisioni in tutta la macchina come parte di quel processo di aggiornamento che sono sicuro avranno fatto anche gli altri Team“.

RED BULL E HONDA: TRA PRESENTE E FUTURO

Horner ha voluto inoltre sottolineare la stabilità e la crescita del rapporto che lega Red Bull a Honda, che spera possa aiutarli a battersi in prima fila per il campionato del mondo quest’anno: “Mentre andiamo verso il nostro secondo anno di collaborazione con Honda, ci sentiamo molto più integrati nel Team. Ci siamo goduti una grande stagione di debutto con loro che ci ha portati a vincere tre gare. Ovviamente ora stiamo cercando di costruirci  qualcosa sopra“.
Insomma, i giapponesi sembrano essere il partner perfetto per le aspirazioni Red Bull: “Sono ambiziosi, condividono i nostri stessi obiettivi; hanno lavorato duramente durante la pausa e, naturalmente, quest’anno arrivano con aspettative più elevate” – ha sottolineato Horner – “È una parte fondamentale della macchina e un partner chiave per noi mentre avanziamo e cerchiamo di affrontare una sfida per i campionati futuri“.

Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button