La Camorra fa paura alla Formula 1: omicidio sventato durante GP di Spagna

formula-1-la-mafia-progetta-omicidio-durante-gp-001

Una premessa: stiamo parlando di fatti risalenti al 2007/2008. La mafia pensava di mettere a ferro e fuoco la Formula 1. Stiamo parlando di circa sette anni fa, e il retroscena è stato svelato grazie a un blitz dei carabinieri che ha fatto finire in manette numerosi affiliati al clan Di Lauro di Secondigliano. La cosca aveva tute le intenzioni di uccidere alcuni rivali in occasione di un evento di risonanza Mondiale come un Gran Premio di Formula 1. Avrebbe dovuto essere un omicidio eclatante quello che è emerso dalle indagini che oggi hanno portato all’arresto di 27 persone, di cui cinque sono donne, una delle quali, all’epoca dei fatti, era pure minorenne con i suoi appena 14 anni di età.

Secondo quanto trapelato, il progetto è stato sventato attraverso un’operazione preventiva condotta dai carabinieri italiani e dalla Guardia Civil spagnola, grazie alle intercettazioni telefoniche. Obiettivo della missione, avrebbero dovuto essere dieci persone, tra cui sono presenti anche Raffaele Amato, Patrizio Esposito, Raffaele Aprea e Vincenzo Spera, nomi di spicco tra quelli degli scissionisti, arrivati proprio a Barcellona il 22 aprile del 2008. Gli indagati finiti in manette sono stati accusati di associazione di stampo mafioso, estorsione e traffico internazionale di stupefacenti, aggravato dalla disponibilità di armi.

Eleonora Ottonello
@lapisinha

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.