Formula 1, Toro Rosso in giallo? Con Renault si può fare!

foto: hanmer.deviantart
foto: hanmer.deviantart

Chi pensava che l’avventura in Renault in qualità di Costruttore fosse definitivamente un capitolo chiuso si è sbagliato. Dopo l’addio a fine 2011 e il suo coinvolgimento nel Circus solamente in qualità di fornitore, la Renault starebbe pensando di rientrare effettivamente in Formula 1, tanto che i rumors circolati negli ultimi giorni sarebbero ben più di semplici indiscrezioni. Alcuni rappresentanti dell’azienda transalpina, nel corso della settimana, sarebbero andati a visionare strutture e factory di Force India, Sauber e Toro Rosso per l’appunto, con quest’ultima in pole position per una possibile acquisizione da parte di Renault.

Il marchio Renault vorrebbe tornare ad essere protagonista nella massima competizione automobilistica e le conferme stanno arrivando da più parti. Secondo i ben informati, l’uomo chiave di tutta la faccenda è stato un ex pilota di Formula 1, Alain Prost, quattro volte Campione del Mondo, che avrebbe convinto personalmente Carlos Ghosn, amministratore delegato dell’intero gruppo Renault. «Se Renault crede di dover rappresentare se stessa in modo diverso per ragioni di marketing, allora stanno pensando o all’acquisto di una squadra o alla possibilità di avere due vetture in giallo – ha commentato ai colleghi di Speed ​​Week, Helmut Marko – Noi siamo aperti a qualunque soluzione. E non è solo la possibilità di una vendita».

La Formula 1 ci ha insegnato che i contratti esistono per essere interrotti: anche se la Red Bull è contrattualmente legata al Circus fino al 2020, non è difficile pensare a un loro disimpegno anticipato, soprattutto dopo le minacce pervenute proprio dalla scuderia austriaca. Del resto anche BMW e Toyota avevano contratti a lungo termine e sappiamo tutti come sono finite tristemente le loro storie…

Eleonora Ottonello
@lapisinha

Topics
Pubblicità

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 32 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button