2018Formula 1Gran Premio Singapore

Formula 1 | GP Singapore 2018, piloti Mercedes: “Molto meglio rispetto a un anno fa”

Le Mercedes si trovano a proprio agio anche su un circuito sulla carta poco congeniale, ma solo domani la Ferrari svelerà le proprie carte

Topics

Lo scorso anno, la Mercedes affrontò il weekend di Singapore con i peggiori auspici. Le W08 non riuscivano ad eguagliare i tempi di Ferrari e Red Bull e solo la pioggia caduta domenica, unita al multiplo contatto del via, consentì a Lewis Hamilton di sovvertire il pronostico e vincere la gara. Quest’anno, le premesse sembrano diverse, dato che il britannico ha archiviato il venerdì di Singapore con un ottimo secondo posto in FP2 a poca distanza da Kimi Raikkonen e soprattutto davanti all’altra minaccia Red Bull.

“Sembriamo andare meglio rispetto a dodici mesi fa – ha commentato Lewis Hamilton – ma solo domani scopriremo il reale potenziale della Ferrari. Siamo in ogni caso vicini, anche se in FP1 abbiamo adottato una strategia diversa non usando le Hypersoft. Credo che sarà una lotta tra noi, Ferrari e Red Bull”. Per il britannico si preannuncia un weekend interessante, ma anche molto impegnativo dal punto di vista fisico: “Le velocità quest’anno sono aumentate e questo è un tracciato impegnativo con 23 curve. Ci si stanca molto, tanto che in una sola sessione si possono perdere dei chili e certamente sarà così per il resto del weekend”.

hamilton singapore

Soddisfatto anche Valtteri Bottas, che però nella classifica dei tempi appare piuttosto indietro. Per il finlandese è arrivato l’ottavo tempo nelle FP1, seguito da un quinto crono nella sessione successiva. “Già nelle prime libere ho capito che questa vettura ha un buon potenziale anche su un tracciato come questo – ha detto Bottas – L’anno scorso, qui, fu molto più in salita. Credo che abbiamo un potenziale maggiore anche rispetto all’inizio del campionato, quando in certe situazioni faticavamo molto. I miei tempi oggi sono stati abbastanza alti perché non ho concluso un buon giro di qualifica, ma il ritmo che ho tenuto mi fa ben sperare. Lavoreremo ancora nel corso della notte sul set up, perché non tutte le modifiche mi sono piaciute”.

Topics
Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Altri articoli interessanti