2018DichiarazioniFormula 1Gran Premio Russia

Formula 1 | GP Russia 2018, Hamilton: “Peccato, la pole era alla mia portata”

L’esser battuto dal compagno di team non pesa: le Ferrari sono dietro e Lewis Hamilton può guardare con serenità al Gran Premio di domani

Non doveva essere la sua pista ed infatti Valtteri Bottas riesce a stargli davanti, ma Lewis Hamilton partirà comunque dalla prima fila nel Gran Premio di Russia 2018. Nel peggior Gran Premio dell’anno, fino a qui, delle Ferrari, il pilota anglo-americano può permettersi di rimanere dietro al compagno di team, anche in previsione di possibili ordini di squadra che potrebbero essere impartiti durante la gara.

Ulteriore vantaggio per le due Frecce d’Argento sarà la partenza sull’asfalto nuovo, che offre più grip, che unito alla parità di mescola con la Ferrari ridurrà il pericolo di un immediato attacco da parte delle Rosse, che avranno l’opportunità di sfruttare il lungo rettilineo che porta alla prima (vera) curva.

Un Hamilton comunque rammaricato, sicuro di avere nel piede la chance di lottare per la pole position: “Questo non è mai stato il circuito più forte per me, ma il Q1 è stato davvero buono – ha esordito.”

“Il mio run su hypersoft alla fine della Q2 è stato un grande giro, ma poi non sono riuscito a ripeterlo nel Q3. Avevo due decimi di vantaggio sul mio ultimo giro, ma ho commesso un errore: sono andato abbastanza largo e poi il posteriore è uscito all’angolo successivo.”

“Penso che avevo il ritmo per la pole, ma Valtteri ha fatto il lavoro migliore questa volta. È fantastico per la squadra avere un 1-2 qui, proveremo a convertirlo domani. Abbiamo apportato alcuni importanti miglioramenti al modo in cui usiamo le gomme e al modo in cui settiamo la vettura e lo stiamo mostrando.”

“È difficile superare qui, quindi la gara riguarderà la gestione delle gomme e chi avrà il miglior via. Sto spingendo forte; hai visto la grande partenza di Valtteri l’anno scorso e penso che la mia opportunità migliore per vincere.”

Topics
Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close