GP Russia: correre o non correre a Sochi? Il paddock è diviso!

L’unica cosa certa è che la situazione in Ucraina sta diventando sempre più complessa. Le cronache raccontano di tesissime telefonate tra Obama e Putin con toni da far ricordare l’ormai guerra fredda, un confronto diretto. Proprio negli ultimi giorni la situazione sembra essere precipitata con il bombardamento su Donetsk dove sono rimasti uccisi 5 civili mentre 12 sono stati feriti, con i razzi dei sistemi Grad che sono caduti su impianti industriali, edifici residenziali e su un mercato alimentare; vittime anche a Lugansk dove a perdere la vita sono stati in 5. Ormai sono giorni che nel paddock della Formula 1 c’è perplessità a riguardo della possibilità di correre il Gran Premio di Russia a Sochi.

Già era messo in dubbio a seguito delle tensioni in Crimea che continuano a tenere il mondo con il fiato sospeso, ma ora a creare ulteriore apprensione è stato il tragico abbattimento del volo della Malaysia Airlines MH17 che, decollato dall’aeroporto di Amsterdam era diretto a Kuala Lumpur. Tanti sono gli addetti ai lavori e i piloti che hanno espresso preoccupazioni sulla possibilità di correre a Sochi, nonostante le rassicurazioni degli organizzatori.

Se tra i giornalisti, qualcuno ha deciso che non andrà a Sochi per questioni di sicurezza, i piloti in ogni caso sembrano più calmi: «Credo che tutto si calmerà prima di correre il Gran Premio di Russia», ha commentato Kobayashi. Più duro Maldonado: «I nostri pensieri vanno alle famiglie delle vittime, questo non è il momento di parlare del Gran Premio di Russia».

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.